Home Cultura Cultura Genova

Il Suq per la giornata del rifugiato ed il concerto di Teresa De Sio

0
CONDIVIDI
Teresa De Sio

Dopo il primo weekend il Suq prosegue con un ricco calendario di eventi, tra musica, danza, laboratori, letteratura e teatro, all’insegna del dialogo tra le culture.

Ecco il programma di mercoledì 20 e giovedì 21 giugno.

Mercoledì 20 giugno. Giornata mondiale del rifugiato nel nome di Don Gallo, prenderà il via alle 10.30 in Piazza delle Feste con Il cerchio delle storie – racconti e favole dal mondo. Uno spettacolo per bambini ispirato a Il circolo dei cantastorie di Jean Claude Carrière, con la Compagnia Giovani del Suq, Lucia Bruzzese, Alberto Lasso, Silvia Olmi. Storie di paesi diversi che parlano della vita, dell’amore, della felicità, del sogno; favole, leggende, aneddoti che arrivano dall’India, dalla Cina, dall’Africa o dal mondo ebraico. Regia Alberto Lasso; produzione Suq

Alle 16 Tamburi battenti, laboratorio di percussioni per bambini (da 6 a 10 anni); alle 17 Danze al Suq. Entrambi gli appuntamenti a cura dell’Associazione Semiforesti. A seguire la Presentazione della rete migranti, con Diego Longinotti Celivo – Centro Servizi per il Volontariato.

Alle 17 un intervento e gli auguri per i 20 anni del Festival di Roberto Timossi, del Comitato di Gestione di Compagnia di San Paolo, maggior sostenitore della rassegna Teatro del Dialogo del Suq.

Alle 18, Gabriele Del Grande AL SUQ. Massimo Righi, intervista Gabriele Del Grande, autore di Dawla. La storia dello Stato islamico raccontata dai suoi disertori (Mondadori). Dawla in arabo significa “Stato” ed è uno dei modi con cui gli affiliati dello Stato islamico chiamano la propria organizzazione: una comunità intesa come un complesso di esperienze e esistenze. Del Grande, giornalista e documentarista italiano recluso nel 2017 in un carcere turco, scrive un libro che è una testimonianza di vita.

La giornata si conclude alle 21.30 con il concerto di Teresa De Sio: Il Pensiero Mediano. Un excursus nell’essenza della musica di Teresa Da Sio, per la prima volta al Suq nel ricordo di Don Andrea Gallo. I suoi successi pop, la musica popolare, le incursioni nella musica dell’amico Pino Daniele, di Matteo Salvatore, di Domenico Modugno e Fabrizio De Andrè. Un modo per cantare il Sud attraverso alcuni grandissimi autori, per raccontarne gli universi poetici con il linguaggio della musica. Teresa De Sio voce e chitarra, Sasà Flauto chitarra, Pasquale Angelini batteria, Vittorio Longobardi basso.

Giovedì 21 giungno. Alle 17 ci si scatena con le Danze al Suq. Alle 18 Enrico Cirone, Telegenova, modera l’incontro ecosuq Non con i miei soldi! con Ugo Biggeri, presidente di Banca Etica, e Claudia Vago, social media curator, autori con Andrea Banares e Andrea Tracanzan del saggio Non con i miei soldi! Sussidiario per un’educazione critica alla finanza (Altraeconomia). L’obiettivo sarà capire come funziona per non essere più complici del sistema ma piuttosto promotori di nuove economie.

L’Isola delle Chiatte alle 19 sarà teatro de Il raccontro dell’isola sconosciuta, spettacolo finale del laboratorio teatrale del Suq, di Josè Saramago con Michela Amrneia, Alessandra Cappelletti, Ilaria Facchinetti, Anna Grossi, Lorena Lucattini, Maria Mantero, Paola Massucco, Elisabetta Montucchielli, Cettina Romeo, Luciana Sgaravatti, Antonella Sodini, Federico Tomasello. L’isola sconosciuta è un luogo mobile che appare e scompare sulle carte della fantasia ma sta ben saldo nel cuore di ognuno di noi. Regia di Enrico Campanati; collaborazione formativa di Igor Chierici.

Alle 20 sempre all’Isola delle Chiatte Attraverso – performance di danza 2.0: un progetto di Giuseppe Esposito e Giovanni Sabelli Fioretti, con Elisa Sbaragli. A cross-media project sul tema delle migrazioni, un percorso creativo aperto a tutti grazie alle nuove tecnologie.

Alle 21 nella Piazza delle Feste al Porto Antico si esibirà Bintou Ouattara con lo spettacolo KANU, dalla tradizione dei griot, i cantastorie d’Africa. Kanu è la trasposizione teatrale di un racconto, di un immaginario simbolico e di una sensibilità poetica legata a una cultura antica e misteriosa, dove il destino dell’uomo si compie in simbiosi con le forze della natura e il potere occulto della parola. Bintou Ouattara, originaria del Burkina Faso, è tra le artiste africane più note a livello internazionale anche per la sua partecipazione a produzioni cinematografiche e televisive. Musiche dal vivo Kady Coulibaly voce, bara, calebasse, Dauda Diabate, voce, kora, gangan; regia Bintou Ouattara; produzione Associazione Piccoli Idilli.

La giornata al Suq terminerà alle 22 con Bobo Kady, musiche e danze africane a cura di Associazione Piccoli Idilli.