Home Cultura Cultura Savona

Alla conquista del tempo: ad Albissola Marina sino a domenica 14 ottobre

0
CONDIVIDI

ALBISSOLA MARINA. 5 OTT. E’ ancora possibile visitare “Alla conquista del tempo”, la mostra dell’artista Guglielmo Spotorno  inaugurata lo scorso 15 settembre alla presenza delle massime autorità cittadine di Albissola Marina e Celle Ligure e del vescovo di Savona-Noli Calogero Marino. Il Circolo degli Artisti di Pozzo Garitta (Albissola Marina) è aperto a tutti i visitatori, sino a domenica 14 ottobre e sempre a ingresso libero, nelle giornate di martedì, mercoledì, giovedì e domenica dalle 16 alle 19:30, venerdì e sabato dalle 16 alle 22.

“Autoritratti” e “Città umanizzate” sono al centro dell’attenzione nelle 14 opere recenti dell’autore. Due “Agenda”, entrambe datate 2018, “Il problema e piccole soluzioni” (2016), “Incidente” (2018), “Inutile eleganza” (2015) compongono la serie degli “Autoritratti”, “L’occhio della povertà” (2017), “Città (le antenne dei poveri)” (2016), “Città assediata” (2015), “Sorgenia” (2014), “Regata sui navigli. Sognando l’Expò” (2014), “Nel mirino” (2015), “Marx la pensa così” (2015), “Città dimenticata” (2016) e “Comizio cittadino” (2016) rappresentano le “Città umanizzate”.

“Nel caso delle Città umanizzate, l’esempio più semplice è New York: una persona viene giudicata non tanto per quello che vale in sé ma per il piano in cui si ferma con l’ascensore. Se va al primo o secondo piano non vale niente, se va all’ultimo magari è importante. Il significato, quindi, è che noi parliamo attraverso le strutture abitative” questa la spiegazione del maestro Spotorno. Una felicità piena non esiste mai,  i sogni di adesso, gli impegni e le ansie delle sue agende e la visione di queste città che sembrano parlare, non sono altro che gli ‘Incubi’ disegnati a 12 anni. “Quando nuotavo a Celle Ligure da un gavitello all’altro, guardavo già con l’occhio al successivo. Continuamente, la vita è segnata dai dubbi e dall’inquietudine, segnata nelle mie opere dal nero seguito dall’azzurro”.  “Alla conquista del tempo” gode del patrocinio della Fondazione 100 Fiori, dei Comuni di Albisola Superiore e Albissola Marina, della Provincia di Savona e del Comitato di rigore Artistico.

Spotorno ha partecipato lo scorso 29 settembre all’inaugurazione della mostra ‘Pace e Amore’, presso la grande Moschea di Roma dove sono esposte le sue opere ‘Armonia e Silenzio’ e ‘Il vento’, visitabili sino al 21 ottobre 2018. Si tratta di una mostra itinerante che prevede esposizioni a Tirana, Berlino e Dubai per l’Expo del 2020. “Ho avuto il privilegio di esser accolto a casa di Guglielmo Spotorno e di vedere decine di anni di pittura, di evidenziare l’evoluzione di un artista del comune – afferma il curatore Gianmarco Puntelli – E’ un grandissimo lettore della cultura a 360 gradi, a partire dalla lettura filosofica e dalla poesia”.

Classe 1938, Guglielmo Spotorno è milanese ma da molti anni vive a Celle Ligure. Ottiene il primo riconoscimento all’età di 12 anni con il disegno ‘Incubo1’. Si laurea in Filosofia con tesi in Estetica Metafisica. Diventa giornalista dell’Ordine Nazionale e apre il suo primo studio di pittura negli anni Settanta. Riceve premi e riconoscimenti. Spotorno dice di sé: “Sono sempre stato un anarchico compiaciuto di sé stesso. Perdo l’orologio del tempo… unisco emozione e logica”.

Ulteriori info sull’artista

www.guglielmospotorno.it

Coordinate mostra
Titolo Guglielmo Spotorno. Alla conquista del tempo
A cura di Luciano Caprile
Sede Circolo degli Artisti, Pozzo Garitta 32 e 11, Albissola Marina (SV)
Date 15 settembre – 14 ottobre 2018
Inaugurazione sabato 15 settembre, ore 18:00
Orari martedì – domenica dalle 16 alle 19 – venerdì e sabato fino alle 22 – ingresso libero