Home Cultura Cultura Savona

Ad Albenga da Delfino in preparazione il catalogo della Zanardi

L' editore Diego Delfino sta per pubblicare un prezioso catalogo-antologia di Antonella Zanardi e Roberto Giannantonio. Le prime indiscrezioni degli esperti d'arte Armando D'Amaro ed Adalberto Guzzinati

0
CONDIVIDI
Un quadro della Zanardi (Foto Daros)

SAVONA. 27 MAG. Sta per completarsi il lavoro editoriale e preparatorio che porterà a breve all’ uscita di un interessante volume d’ Arte delle Edizione del Delfino Moro di Albenga (che hanno sede presso il famoso Giardino letterario Delfino). Si tratta del catalogo delle ultime creazioni artistiche della nota illustratrice Antonella Zanardi. Nel volume sarà presente anche un florilegio di liriche del poeta e scrittore Roberto Giannantonio.

“Il libro-catalogo che sta predisponendo il valente e scrupoloso editore Diego Delfino- ci ha spiegato Adalberto Guzzinati, giornalista e critico d’arte- rappresenta un interessante esperimento per proporre disegni e poesie in maniera estemporanea. La Zanardi e Giannantonio sperimentano in questo modo la creazione di un volume che sarà stampato da Ciuni e che apparirà davvero musicale, un’ opera a quattro mani che si prefigge lo scopo di far conoscere con sincerità la sensibilità e ricchezza interiore dei due autori”.

Antonella Zanardi (Padova, 1953), ha conseguito il Diploma d’arte al Liceo Artistico “Martini” di Savona. Originaria del Veneto, ma ormai alassina d’adozione, trova nella luce della “Baia del Sole” l’ispirazione per affascinanti quadri policromi. Sono infatti proprio la luce ed i colori della Riviera alla base della sua arte. Realizza opere con tecnica mista prediligendo la paesaggistica ed il figurativo. Dotata di grande sensibilità cromatica e plastica, rappresenta con le sue illustrazioni un mondo fantastico e surreale. I suoi disegni a commento delle liriche di Giannantonio contribuiscono alla costruzione di ambientazioni oniriche e di atmosfere cariche di pathos.

“La Zanardi predilige la paesaggistica ed il figurativo- ci spiega Armando D’Amaro, il noto scrittore ed esperto d’arte- ma non legati strettamente ai canoni classici. Le sue opere sono sempre pervase da un senso di visionario surreliasmo ed iperrealismo. Nel corso degli anni ha attraversato vari generi e realizzato opere ispirate anche al gusto dell’avanguardia e della sperimentazione”.

Dopo essersi sempre orientata verso la tecnica mista, oggi realizza disegni ed illustrazioni per libri e racconti, rivolgendosi anche all’ acquerello. Negli ultimi anni ha ripreso anche la tecnica di pittura su pietra che in passato aveva già sperimentato con successo. Grande maestra nell’ uso della tempera, possiede estro grafico e la sovrapposizione di velature di colore e soluzioni stilistiche sempre nuove impediscono di poterla catalogare in una qualsiasi corrente artistica.

Roberto Giannantonio (Alasso, 1950), ha insegnato Materie Letterarie nelle Scuole Superiori Pubbliche e Private di Alassio. Ha iniziato prestissimo a pubblicare le sue poesie e negli anni varie raccolte hanno ottenuto riconoscimenti e premi in numerosi concorsi letterari.

Giannantonio, che appartiene ad una nota famiglia alassina che per decenni si è impegnata in campo educativo e scolastico, gestendo una scuola superiore (“Alma Mater”) ed un Convitto, a partire dal 2000 si è dedicato anche alla narrativa.

L’ ex preside e docente perciò non è soltanto poeta, ma anche romanziere: proprio nel 2000 ha infatti pubblicato il bellissimo romanzo “L’Angelo di San Bernardo” (vincitore del premio letterario “Le Stelle 2002”) e nel 2002 il pluri premiato “Le nebbie del Bacchiglione”.

Nel volume delle edizioni del “Delfino Moro”, ideato insieme alla Zanardi, e di imminente pubblicazione, sarà presentata una scelta di sue liriche scritte a partire dagli anni giovanili ad oggi.

CLAUDIO ALMANZI