Home Cronaca Cronaca Genova

Corteo lavoratori AM davanti alla Prefettura, agenti si levano il casco

0
CONDIVIDI
Corteo lavoratori AM davanti alla Prefettura, agenti si levano il casco

Il corteo dei lavoratori di Arcelor Mittal organizzato dalla Fiom e al quale hanno aderito Fim Cisl e Uilm, composto da circa 400 persone è partito questa mattina alle 8 dallo stabilimento Arcelor Mittal di Genova Cornigliano.

Dallo stabilimento, i manifestanti hanno superato il ponte di Cornigliano e hanno, poi proseguito per via Degola, via Cantore, via Gramsci, piazza Portello per giungere davanti alla Prefettura.

Insieme a loro anche delegazioni di altre fabbriche genovesi, quali Leonardo, Fincantieri ed Ansaldo energia.

Davanti alla Prefettura i lavoratori continuano a gridare “Il Governo dov’è! Il Governo dov’è!”.

Una delegazione dei lavoratori è entrata dentro la Prefettura per chiedere al Governo una risposta.

In quel momento I poliziotti che presidiavano l’ingresso, alla richiesta dei manifestanti di togliersi il caschetto, hanno risposto sfilandoselo dalla testa e facendo partire un grosso applauso da parte dei presenti.

Gli agenti di Polizia in assetto antisommossa messi a schieramento della Prefettura ad un certo punto alla richiesta dei manifestanti di togliersi il caschetto, lo hanno levato ed è partito un lungo applauso da parte dei manifestanti.

Il tutto è nato da una lettera di licenziamento per tre dipendenti, due dei quali accusati di aver asportato del materiale dell’azienda. La risposta dei sindacati non si era fatta attendere, con un’assemblea davanti ai cancelli e la proclamazione dello sciopero.

Da lì l’escalation con l’invio di 250 lettere per altrettanti lavoratori con la sospensione  del lavoro.