Home Sport Sport Italia

Calcio, Gravina: Tristi ma inevitabili le partite a porte chiuse

0
CONDIVIDI
Il presidente della FIGC Gravina

Il Presidente FIGC Gravina torna a parlare dei temi di attualità del calcio italiano ai tempi del Covid-19.

“Ho vissuto un conflitto interiore nei drammatici momenti del virus, ma lì bisognava capire se dovevamo compromettere il nostro movimento in maniera definitiva . Il calcio in Italia è una dimensione economica enorme che richiede responsabilità. Capisco i tifosi, ma non si può aspettare il vaccino. Non volevamo prenderci degli ‘scemi’”.

Il presidente ha poi aggiunto: “Calcio a porte chiuse? E’ una tristezza unica , ma è una tappa di avvicinamento per riconsegnare il calcio vero ai tifosi”.

Infine la spiegazione sull’algoritmo: “Forse non sono stato bravo a far capire l’algoritmo . Quello porterebbe alla classifica ponderata, quello degli inglesi che sono arrivati dopo e ora tutti dicono che è il loro modello. Non ci sarebbe alcuna discrezionalità”.