Home Politica Politica Genova

Vaccini, Governo: più dosi alle Regioni con più anziani. Vince la linea Toti-Fedriga

0
CONDIVIDI
Fedriga e Toti (foto di repertorio fb)

“Nella fase 2 della campagna vaccinale anti Covid, le dosi verranno distribuite nei territori in base alla percentuale di over 80, i soggetti più colpiti. La proposta, nata dalle Regioni con la percentuale più alta di abitanti anziani come la Liguria e il Friuli Venezia Giulia, è stata condivisa da tutti i governatori italiani con grande spirito di collaborazione, e approvata dal Governo”.

Lo ha annunciato stasera il governatore ligure Giovanni Toti.

Toti e Fedriga: età popolazione residente criterio per distribuzione vaccini anti Covid

“Così – ha aggiunto Toti – ogni Regione avrà abbastanza vaccini per mettere al sicuro al più presto i suoi anziani e chi ne riceverà meno adesso, ne avrà di più nelle fasi successive, in modo da compensare.

Le Regioni, in questo momento difficile e di confusione politica e istituzionale, si confermano un punto fermo nella gestione della pandemia e della campagna vaccinale, dimostrando ancora una volta di saper fare fronte comune, senza colori politici ma con un solo e unico obiettivo: il bene dei cittadini. Un esempio da seguire al più presto anche a livello nazionale.

Intanto, in Liguria i dati del contagio restano stabili: sono 233 i nuovi positivi, a fronte di 6520 tamponi, tra molecolari e antigenici, effettuati nelle ultime 24 ore. Il dato che ancora ci preoccupa di più è quello dei decessi, che oggi sono 27, la maggior parte dei quali anziani, motivo per cui la decisione di oggi sulla distruzione dei vaccini agli over 80 è più che mai importante per mettere al sicuro proprio la fascia più colpita dal coronavirus, che inizieremo a vaccinare a partire dal 12 febbraio, con un ‘vaccine day’ simbolico, per poi proseguire a pieno regime dal 15 febbraio, salvo ulteriori ritardi nelle consegne.

Solo dimostrando un grande senso di responsabilità e di unità possiamo aiutare il Paese a superare l’emergenza più grande degli ultimi anni. Le Regioni e i colleghi governatori, che ringrazio, lo stanno facendo”.