Home Cultura Cultura Savona

Seguita ed apprezzata esposizione d’arte estemporanea in piazza a Varazze

0
CONDIVIDI
Seguita ed apprezzata esposizione d’arte estemporanea in piazza a Varazze
Seguita ed apprezzata esposizione d’arte estemporanea in piazza a Varazze

Seguita ed apprezzata esposizione d’arte estemporanea in piazza a Varazze, domenica 18 in via Malocello nella “Città delle Donne”

Seguita ed apprezzata esposizione d’arte estemporanea in piazza a Varazze, proprio difronte alla nota e attiva “Gallery Malocello”, si è tenuta l’annuale e sempre attesa esposizione d’arte estemporanea “en plein aire”, organizzata dal Gruppo Artisti Varazzesi, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura ed aperta ad artisti provenienti anche da altre località.

E’ ormai noto a tutti, anche a quei pochi che non solo non sono appassionati d’arte, ma non sentono neanche lo stimolo di fermarsi un attimo per dare un’occhiata alle tante opere di vario tipo, forma e dimensione che nella “Gallery Malocello” di Varazze vengono esposte tutto l’anno, a rotazione settimanale oppure mensile, da bravi e tenaci Pittori, Scultori, Intagliatori, Fotografi ed esperti in “Recycling art”, un’attività ludica ed educativa, che sempre con più insistenza viene proposta e insegnata ai giovani, soprattutto nelle scuole dell’obbligo.

Ed infatti, è proprio per questo che: … «L’Associazione Artisti Varazzesi rappresenta un valore aggiunto per la promozione Culturale e Turistica della città di Varazze».

Alla manifestazione “d’arte in piazza”, oltre ai cittadini e turisti ancora presenti in città e agli artisti partecipanti, provenienti da varie località della Liguria e del Piemonte, a portare il saluto dell’Amministrazione Comunale, sono intervenuti: gli Assessori Claudia Callandrone e Mariangela Calcagno, il Consigliere Daniele De Felice.

Ci complimentiamo con l’Associazione Artisti Varazzesi, sia per questa sua continua e significativa presenza con esposizioni che si susseguono nel tempo, sia per la promozione dell’interesse per la creatività espressiva tra i giovani, le future generazioni chiamate, anche tramite l’amore per il bello, nelle sue variegate forme, a “cambiare il Mondo”.