Home Politica Politica Savona

Rixi: Antifa vigliacchi, alimentano odio e violenza. Viale attacca la sindaca Caprioglio

0
CONDIVIDI
Corteo Antifa a Savona, sabato scorso ha partecipato anche la sindaca di centrodestra Ilaria Caprioglio

“Scendere in piazza e attaccare il ministro degli Interni e le istituzioni con slogan squadristi è quanto di più fascista la città di Savona non si sarebbe meritata di assistere. Chi si nasconde dietro all’antifascismo per attaccare con odio chi è stato eletto democraticamente dai cittadini savonesi e italiani è solo un vigliacco fuori dal tempo. Noi non cadremo mai nel ricatto di chi con la scusa dell’antifascismo alimenta odio e violenza“.

Lo ha dichiarato ieri su Fb il segretario della Lega Liguria e viceministro genovese Edoardo Rixi, dopo la manifestazione “antifascista e antirazzista” di sabato scorso a Savona in cui sono stati urlati anche slogan contro il ministro Matteo Salvini e le Forze dell’ordine.

Al corteo hanno partecipato molte forze politiche di sinistra, centri sociali, Antifa, migranti e in piazza è scesa anche la sindaca di centrodestra Ilaria Caprioglio.

“Chi critica Matteo Salvini in piazza – ha aggiunto il capogruppo regionale Franco Senarega – non può ricevere il sostegno della Lega”.

Rete a Sinistra difende sindaca di centrodestra Ilaria Caprioglio che sfila con Antifa

“Mentre guardavo – ha attaccato la vicepresidente della giunta regionale Sonia Viale (Lega) – le foto del sindaco di Savona sorridente tra poche centinaia di manifestanti che urlavano slogan di cinquanta anni fa ho provato sconcerto e rabbia.

Ma come, lei che da sempre é impegnata su temi sensibili quali i mali dell’adolescenza , che si batte perché ragazze non si lascino morire di inedia, non ha compreso che essere lí ieri, era come stare in mezzo ai centri sociali di San Lorenzo che hanno urlato contro Salvini , quando si é recato sul luogo del massacro di Desirée, dandogli del razzista.

Dovremmo essere compatti nel combattere contro delinquenti con in tasca un permesso per ragioni umanitarie. che spacciano e stuprano e tagliano a pezzi ragazzine fragili.

Non dovremmo partecipare a cortei dove si attaccano le Forze dell’ordine e il Ministro dell’Interno. Oppure la pensa come certa intellighenzia di sinistra che siccome la ragazza di Roma era drogata, figlia di uno spacciatore e di una madre quindicenne allora …

Le sue parole durante il corteo sono state: ‘Un momento di inclusione importantissimo’. Essere un Sindaco non significa solo amministrare significa anche prendere posizioni politiche. Sabato con un magnifico sorriso ha dimostrato qual’é la sua posizione: con i manifestanti urlanti che hanno imbrattato la sua cittá e non con Desireé , Pamela ed anche Giuseppina, un’altra giovane vittima di un brutale stupro di gruppo la cui targa in ricordo é stata distrutta a pochi chilometri da lei pochi giorni fa.

Perchè se c’é una cosa che non conosce razze, confini , lingue , religioni é ció che prova una donna spogliata , picchiata, violentata , massacrata. Questo é ció che include noi donne”.