Home Cultura Cultura Genova

Prossimi eventi alla Biblioteca Universitaria

0
CONDIVIDI
Prossimi eventi alla Biblioteca Universitaria
Prossimi eventi alla Biblioteca Universitaria

Prossimi eventi alla Biblioteca Universitaria di Genova. 2 concerti, 1 conferenza, presentazione di 1 biografia e 3 mostre in corso.

Prossimi eventi alla Biblioteca Universitaria, dal 29 novembre al 5 dicembre.

Continuano gli eventi alla Biblioteca Universitaria di Genova in via Balbi 40.

Martedì 30 novembre, alle ore 17, concerto Suoni Migranti del COUNTERPOINT DUO

con Filomena de Pasquale e Giorgio Albiani, in collaborazione con Art Commission

E’un viaggio musicale dal Sud America al Caucaso che si snoda tra sonorità antica e contemporanee.

La ricerca di una dimensione sonora intima e profonda, in cui il potere benefico del suono e della musica, fin dall’antichità ritenuti capaci di guarire e riportare l’uomo dagli inferi alla terra, trova la sua dimensione e la sua ragion d’essere più profonda.

Musiche di Celso Machado, Laurent Boutros, H. Villa Lobos, Roberto Rossi, Jacques Ibert, Francesco Santucci, Roland Dyens.

Mercoledì 1° dicembre, ore 17,30, concerto di Giampaolo Nuti e Marco Rapetti

Dante nell’Ottocento musicale, in collaborazione con Ass. Pasquale Anfossi. Il concerto, a sostegno della Comunità di Sant’Egidio, sarà introdotto da Francesco De Nicola (Università di Genova).

Nuti e Rapetti sono i protagonisti di un originale programma concertistico per pianoforte a due e a quattro mani in cui si alternano brani ispirati alla “Divina Commedia” e ai sonetti de “La Vita Nova”:

Il percorso musicale prende avvio dalla musica còlta americana: Louis Moreau Gottschalk, definito da Chopin “il re dei pianisti”, ed Edward MacDowell, ammirato da Liszt.

La tradizione pianistica lisztiana collega l’America e l’Europa di Hans von Bülow e Benjamin Godard.

Del primo viene eseguito il sonetto “Tanto gentile e tanto onesta pare” trascritto per pianoforte a due mani da Liszt, mentre del secondo viene presentata la trascrizione per duo pianistico di Marco Rapetti della tarantella orchestrale tratta dal terzo atto di “Dante et Béatrice” (1890).

Il mondo del melodramma conduce a una composizione scritta nel 1865 per le celebrazioni del centenario della nascita di Dante (anno in cui la capitale del Regno d’Italia era trasferita da Torino a Firenze).

Si tratta de “La Divina Commedia”, dodici Scene Drammatico-musicali, un suggestivo affresco per pianoforte a quattro mani composto da Cesare San-Fiorenzo, pianista e compositore genovese, di cui si evidenzia la sapiente e idiomatica scrittura per lo strumento, nonché la piacevole vena melodica di matrice verdiana.

Giovedì 2 dicembre, ore 17, conferenza Cantare Dante di Lorenzo Coveri (Università di Genova).

Nell’ambito della mostra A proposito di Dante. Alighieri in carta, audio e video.

A settecento anni dalla morte, persiste la fortuna (iniziata già con i contemporanei) di Dante nella cultura alta (arti figurative, cinema, teatro, musica), ma anche popolare (si pensi all’abitudine, testimoniata sino a poco tempo fa, di mandare a memoria i 14.233 versi della Commedia;

ma anche ai fumetti, al graphic novel, alla pubblicità, ai giochi tradizionali, ai videogame, alle applicazioni web), che negli anni hanno fatto del poeta fiorentino una vera e propria icona pop. Non poteva mancare, in tanta “dantemania”, una riflessione sulla presenza di Dante nelle canzoni.

Sabato 4 dicembre, ore 16. Storie straordinarie: presentazione dell’autobiografia romanzata Mi chiamo Mouhamed Alì di Rita Coruzzi e Mouhamed Alì Ndiaye.

All’inizio è solo un bambino come tanti, nato in Senegal da un padre pugile che vive nel mito di Muhammad Ali e che sogna per il figlio un futuro importante.

Poi quel bambino un pugile lo diventa davvero, costretto dal padre a durissimi allenamenti a ogni ora del giorno e della notte, chiuso in una palestra, piegato dai colpi quando tutti i suoi amici sono per strada a giocare.

Ma come Ali comprende ben presto la via che gli ha aperto il padre è l’unica alternativa possibile a una vita segnata dalla criminalità e dalla droga.

In breve tempo il ragazzo, ormai campione del Senegal, vede crescere in sé il desiderio di superare i confini di un Paese sempre sull’orlo del baratro.

Da qui il viaggio verso la salvezza, la terra promessa…

Gli autori, insieme a Dario Dongo e Cheikh A.Tidiane Gueye converseranno intorno ai temi proposti dal libro. In occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità  del 3 dicembre.

Proseguono le MOSTRE in BUGE.

Visitabile dal 26 novembre 2021 al 31 gennaio 2022, nella seconda Sala Mostre a piano terra , è stata appena inaugurata la mostra fotografica Leggere per non perdere il filo… e la memoria.

Il libro e non la spada avrai nella mano: un percorso di ‘istigazione alla lettura’, con le fotografie di Cosimo Damiano Motta, Elisabetta e Pierangelo Vacchetto.

Si dice che oltre il 60% della popolazione non legga nemmeno un libro all’anno e che un’altra grande parte sfogli il giornale solo al bar.

Gli autori si sono prefissi l’obiettivo di stimolare la discussione al proposito e, perché no, la voglia di leggere: tema quanto mai urgente per una grande Biblioteca pubblica come l’Universitaria.

Dal 14 settembre 2021 al 31 gennaio 2022, A proposito di Dante. Alighieri in carta, audio e video

la mostra bibliografica che illustra l’interesse e la fortuna dell’opera di Dante Alighieri nel corso dei secoli, attraverso manoscritti e meravigliosi libri a stampa del Quattro, Cinque e Settecento (al 3° piano della Biblioteca), sino alle edizioni più moderne, esposte a piano terra.

Il percorso espositivo delinea l’impatto e la divulgazione dell’opera dantesca entro il contesto culturale italiano, e in particolare l’influenza su alcune personalità, come Edoardo Sanguineti, la cui raccolta libraria è conservata – il ‘Magazzino Sanguineti’ – nella Biblioteca Universitaria di Genova.

Dal 14 ottobre al 14 dicembre 2021, per le mostre organizzate dal Polo della Fotografia di Giancarlo Pinto, è visibile nella Galleria fotografica Illusioni pareidolitiche la mostra fotografica di Piero Serù e Antonio Zoncheddu.

46 fotografie sul tema della pareidolia, l’illusione subcosciente che tende a ricondurre a forme note oggetti o profili (naturali o artificiali) da forme casuali, naturali o artificiali.
Per visite guidate: giancarlopinto51@gmail.com

A cura di Ufficio Eventi Culturali BUGe.

Programma dettagliato e materiali scaricabili dal sito della Biblioteca Universitaria Genova
Per informazioni e prenotazioni: tel. 010 2546 431 –  bu-ge.eventiculturali@beniculturali.it