Home Cronaca Cronaca Italia

Paracetamolo e vigile attesa, Consiglio di Stato sospende sentenza Tar

0
CONDIVIDI
Paracetamolo e Vigile attesa, Consiglio di Stato sospende sentenza del Tar
Franco Frattini

Avvocato Grimaldi: Nessun annullamento della sentenza, si tratta di una sospensiva fino all’udienza del 3 febbraio

Il Consiglio di Stato, del neo presidente Franco Frattini, ha sospeso la sentenza che il Tar del Lazio aveva emesso in merito alla cura contro la Covid consigliata dal ministero della Salute che prevedeva l’uso del paracetamolo e della vigile attesa.

Con un decreto monocratico firmato dal presidente Franco Frattini, viene sospesa, così, la sentenza del Tar del Lazio, al quale aveva presentato ricorso il Comitato cura domiciliare Covid-19 avverso alla circolare del ministero della Salute che prescriveva “vigile attesa” e somministrazione di fans e paracetamolo (Tachipirina) per i primi giorni di covid 19 per i pazienti a casa.

Il ministero della Salute aveva presentato da subito un’istanza di sospensione al Consiglio di Stato che è un organo superiore.

Il Consiglio di Stato, ha concesso la sospensiva fino alla camera di consiglio che si svolgerà al 3 febbraio prossimo per la trattazione collegiale.

E se secondo il giudice del Tribunale amministrativo il contenuto della nota ministeriale «si pone in contrasto con l’attività professionale così come demandata al medico nei termini indicati dalla scienza e dalla deontologia», secondo il Consiglio di Stato, da quanto si legge nel provvedimento,  la circolare ministeriale «contiene raccomandazioni e non prescrizioni, cioè indica comportamenti, secondo la vasta letteratura scientifica allegata, che sembrano rappresentare le migliori pratiche». Per cui «non emerge alcun vincolo circa l’esercizio del diritto-dovere del Mmg di scegliere in scienza e coscienza la terapia migliore, laddove i dati contenuti nella circolare sono semmai parametri di riferimento».

«Bisogna essere precisi per evitare che passino delle informazioni sbagliate sia con i media sia con quanto viene pubblicato sui social network, spiega l’Avvocato Erich Grimaldi che insieme alla collega Valentina Piraino ha portato avanti il ricorso del Comitato Terapia domiciliari C-19».

«Il ministero, come ci aspettavamo perché era inevitabile che doveva intervenire – prosegue l’avvocato – ha proposto appello avverso alla sentenza del Tar del Lazio ed è stata fissata l’udienza collegiale del 3 di febbraio.

Nel fissare tale udienza collegiale il presidente Franco Frattini, a cui faccio personalmente gli auguri in quanto cinque giorni fa è stato nominato da Draghi, presidente del Consiglio di Stato, la accoglie con una motivazione diversa da quella per cui ne aveva respinta una per la stessa materia nell’aprile del 2021 e ne fissa l’udienza.»

«Non è stata quindi annullata la sentenza del Tar – puntualizza l’Avvocato Grimaldi – ma semplicemente fino all’udienza del 3 febbraio c’è stato un decreto di sospensione.» L.B.

Il video in cui l’Avvocato Erich Grimaldi spiega la situazione