Home Politica Politica Genova

Nave ospedale, Giampedrone: scelta condivisa da tutti, finanziata da Protezione civile nazionale

0
CONDIVIDI
Nave ospedale Gnv in porto a Genova (foto d'archivio)

“La capogruppo regionale Alice Salvatore cambia partito ma continua a far perdere tempo al consiglio regionale, sfornando critiche assurde di fronte a una operazione così efficace. La scelta di allestire la nave-ospedale ha permesso di curare un elevato numero di persone (fino a 300), in assoluta sicurezza, garantendo un totale isolamento rispetto alla città. Non vi erano sul territorio della Liguria strutture sanitarie già esistenti che rispettassero le condizioni necessarie per ospitare un così alto numero di pazienti”.

Lo ha dichiarato oggi l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone (Cambiamo con Toti presidente) in merito all’utilità e ai costi della nave-ospedale attrezzata per ospitare i pazienti Covid-19 liguri nel porto di Genova.

“Ricordo – ha aggiunto Giampedrone – che tutte le strutture, sia la nave-ospedale sia le altre, sono state approvate da Alisa, dall’Asl e soprattutto dal Dipartimento nazionale di Protezione civile e dal commissario Angelo Borrelli.

Secondo la valutazione congiunta di questi enti, la nave-ospedale possiede i requisiti necessari per l’accoglimento dei pazienti positivi al coronavirus anche in relazione alla possibile attivazione modulare per fasi.

Inoltre, il Dipartimento nazionale aveva stanziato per la copertura dei costi fino al 3 maggio oltre 1 milione e 254mila euro. Dal 19 marzo si sono susseguiti tre contratti: fino al 4 aprile, dal 4 aprile – 3 maggio e quello ora in essere.

Sono al momento in corso le rendicontazioni dei primi due contratti: per il periodo che quindi va dal 19 marzo al 3 maggio, le rendicontazioni arrivano a 566mila euro, molto al di sotto della cifra garantita dalla Protezione civile nazionale.

La stima per la stipula del nuovo contratto si aggira intorno ai 424mila euro, con una capacità attuale di 75 degenti contemporaneamente che, per questo ultimo periodo, porta a 118 euro al giorno il costo di un paziente sulla nave.

Sommando in ogni caso il rendiconto dei tre periodi considerati, non si raggiunge neanche il milione di euro, rientrando comunque ampiamente all’interno del budget stanziato in avvio delle operazioni”.