Home Cronaca Cronaca Genova

Ministero Salute: a Genova pre allerta livello 1 per ondata di calore. Le previsioni Arpal

0
CONDIVIDI
Calura estiva in piazza De Ferrari a Genova

Livello 1 – Pre allerta. Condizioni meteorologiche che possono precedere il verificarsi di un’ondata di calore“.

Nell’ambito del progetto “Estatesicura 2018” oggi il Ministero della Salute ha emanato lo stato di allerta e pre allerta per alcune città italiane.

Genova è stata inserita nel livello 1 ossia il più basso. Infatti, il più alto è il “Livello 3 – Ondata di calore. Condizioni ad elevato rischio che persistono per 3 o più giorni consecutivi”.

Ministero della Salute – Bollettino sulle ondate di calore

Intanto, Arpal ha confermato solo “disagi” per il caldo e stamane ha emesso il seguente bollettino di vigilanza con le previsioni meteo.

OGGI: sulla Liguria si mantengono condizioni di debole instabilità che favorisce lo sviluppo di rovesci e temporali pomeridiani di intensità al più moderata nell’interno. Segnaliamo condizioni diffuse di disagio per caldo su BCDE in particolare nei centri urbani e nelle valli poco ventilate dell’entroterra, locale disagio su A.

DOMANI: dalla seconda parte del pomeriggio non si escludono isolati fenomeni temporaleschi al più moderati sui versanti padani (zone DE). Diffuso disagio per caldo su BCDE in particolare nei centri urbani e nelle valli poco ventilate dell’entroterra, locale disagio su A.

DOMENICA 29: possibili temporali deboli o moderati nella notte sui versanti padani. Diffuso disagio per caldo su BCDE in particolare nei centri urbani e nelle valli poco ventilate dell’entroterra, locale disagio su A”.

Il Centro di competenza per la prevenzione dei danni da ondate di calore di Regione Liguria oggi ha quindi invitato le strutture sociali e sanitare a predisporre tutte le misure necessarie, attivando la climatizzazione nelle aree di degenza o almeno nelle sale di socializzazione e ristoro e nelle palestre e garantendo uno stato di adeguata idratazione degli ospiti.

Inoltre Regione Liguria ha ricordato che il “Piano Caldo”, predisposto dall’ente per far fronte a particolari condizioni di rischio legate a ondate di calore, scatta solo in caso di allerta arancione o rossa. Ossia Livello 2 o Livello 3.