Home Cultura Cultura Genova

Il Nano Morgante | Il Vissuto Ostile

0
CONDIVIDI
Il Nano Morgante | Il Vissuto Ostile

Comparare l’idea di qualità della saggezza della cultura antica alla saggezza contemporanea, quantomeno a quella che si percepisce nell’ordinarietà degli eventi, può assumere un tono retorico di una anticipata critica all’insensatezza del vissuto ostile dei giorni nostri.

In materia di amabilità, di cortesia e di virtù affini, tuttavia, almeno la locuzione platonica “se vuoi essere amato, sii amabile”, contiene in sé, senza ostinate smentite, una poderosa quantità di universale buon senso: in quanto tale, teoricamente applicabile da tutti.

Questo buon senso è immediatamente apprezzabile nell’evidenza di certi “inconvenienti”, di certe complicazioni nei rapporti con gli altri, il più delle volte evitabili, agevolmente aggirabili, quantomeno anticipabili  anche con l’ausilio di un’idea pacificata dell’esistenza e non performante del confronto. Alla fin fine, un’idea improntata alla “sim-patia”, etimologicamente parlando, come modalità di esercizio.

Convinti di tale modalità, non sarebbe difficile trovare, riscoprire una inattesa misura di sentimenti negli altri, in questo senso commisurati ai nostri. Così come, al contrario, non riusciamo a trovarne inclinandoci sul versante della scontrosità.

Almeno una breve riflessione sulla personale condizione civica sarebbe opportuna. Visto che ogni effetto risente, in ogni azione umana, dell’applicazione di un tono iniziale. Visto che ogni incipit produce un explicit.

La nostra stessa disponibilità verso ciò che ci attornia, verso coloro con cui ci relazioniamo quotidianamente, può evitarci ripidi e tortuosi sentieri e parimenti condurci in percorsi più agevoli.

D’altro canto, in termini di ovvietà, gli scarponi da montagna sono inadatti per affrontare un selciato in pianura e le ciabatte da mare per intraprendere una salita impervia e pietrosa.

Nondimeno, gli effetti quotidiani del nostro peregrinare civico non pare assegnare ovvietà, e fattività, all’antico valido concetto.

Con evidenza, malgrado tutto e tanti, non si riesce ad interiorizzarlo come prassi. A superare il nostro vissuto ostile.

Massimiliano Barbin Bertorelli