Home Cronaca Cronaca Genova

Focolaio S. Martino e infermiera no-vax, Toti: positivi saliti a 22. R(t) poco sopra 1

0
CONDIVIDI
Ospedale San Martino di Genova, padiglione Maragliano (foto d'archivio)

“La Regione Liguria è circondata da regioni in rosso che registrano un’altissima incidenza di contagi. Noi saremo ancora in arancione con un indice R(t) di poco sopra 1 e quindi nella parte bassa della ‘forchetta’ dell’indice, più vicina al giallo”.

Lo ha dichiarato stasera il governatore ligure Giovanni Toti, commentando il fatto che la Liguria è stata confermata in area di criticità arancione per la seconda settimana consecutiva con numeri che tuttavia risultano ben lontani da quelli della zona rossa.

Focolaio al Maragliano, S. Martino: non sappiamo quanti e chi siano i sanitari no-vax

Infermiera no-vax e focolaio al S. Martino: salgono a 14 i pazienti positivi al Covid

S. Martino, infermiera no-vax e focolaio al Maragliano: deceduto un paziente

“L’imperiese – ha aggiunto Toti – è tornato su una media molto più bassa dei tempi del picco pandemico, quando fummo costretti a prendere le misure di contenimento.

Cresce invece di qualche punto la pressione sul savonese. Stabile Genova. La Spezia rimane la provincia con la più bassa incidenza.

Cresce un poco la pressione ospedaliera nell’area della media intensità e ne risente in particolare l’ospedale San Martino a causa del ‘cluster’ interno che ha portato a 22 i positivi.

Cinque decessi oggi. Non fa media statistica, ma il numero si è stabilizzato da diversi giorni sotto le dieci unità, primo significativo risultato della campagna vaccinale sulle persone più fragili”.