Home Spettacolo

Domani ultimo ciak in Piemonte per Mondi Paralleli

0
CONDIVIDI
Domani ultimo ciak in Piemonte per Mondi Paralleli

Mondi paralleli: ultimo ciak al Dorian Gray. Liguria pronta ad accogliere le telecamere dalla prossima settimana con luoghi meravigliosi. 

Domenica 9 febbraio si conclude la trasferta in Piemonte, dalla prossima settimana la produzione sarà in Liguria per 5 mesi, per una grande valorizzazione del. Territorio.

Due settimane di lavoro oltre confine regionale per il nuovo film diretto da Gioele Fazzeri e prodotto da D&E Animation. La sceneggiatura di Dario Rigliaco ha ritrovato nel Dorian Gray di Novi Ligure il bar di Mr. Owen, nella Londra vittoriana del film, ma dalla settimana prossima tutta la troupe rientrerà in Liguria per cinque lunghi mesi di lavorazione.

Sarà il noto castello Spinola di Campo Ligure a inaugurare i ciak in Liguria offrendo spazi inediti del museo, mentre il famoso borgo di Pentema, noto per il presepe vivente anche all’estero, sarà cornice di alcune scene chiave ambientate nella Genova del 1300. E non solo, la produzione annuncia altre location di grande valore come la basilica dei Fieschi di Cogorno e la suggestiva Valle Christi di Rapallo, dove si esibì tra i grandi artisti il nobel Dario Fo.

Queste solo alcune anticipazioni di un progetto supportato da Film Commission Liguria e patrocinato dal Comune di Genova che ha l’obiettivo di valorizzare territorio, cultura e storia attraverso un film di avventura che uscirà al cinema in autunno 2020.

“Ringrazio a nome dell’associazione che rappresento i ragazzi del Dorian Gray, Laura e Andrea ci hanno ospitato per due settimane in maniera impeccabile. Il nostro saluto sarà senza dubbio un” arrivederci a presto” perché abbiamo scoperto un mondo nascosto pieno di magia a Novi ligure” conclude Dario Rigliaco.

Per l’ultimo set, il noto marchio Novella offrirà 30kg di pasta fresca per gli addetti ai lavori, gli gnocchetti si “sposeranno” con il sugo della nonna creato appositamente per i clienti del Dorian Gray, per un ulteriore valorizzazione delle specialità Liguri e del basso Piemonte.