Home Politica Politica Genova

Ciao piccolo Angelo e sfortunato Guerriero: la Liguria si stringe intorno a Kate e Thomas

0
CONDIVIDI
Il piccolo Alfie con il papà Thomas Evans

“Ciao piccolo Angelo e sfortunato Guerriero. Un grande abbraccio. La scomparsa di Alfie Evans è una sconfitta per tutti. Dobbiamo trarre insegnamento da questa tristissima vicenda affinché simili fatti non accadano mai più. Regione Liguria, in particolare con l’assessore alla Sanità Sonia Viale e i responsabili dell’Istituto pediatrico Gaslini di Genova, aveva provato a fare qualcosa per il piccolo Alfie. Purtroppo non ci siamo riusciti. Oggi proviamo un grande dolore, ci stringiamo intorno ai coraggiosi genitori Kate e Thomas e alla famiglia Evans”.

Lo hanno dichiarato stamane, con una nota, i consiglieri regionali del gruppo Lega Nord Liguria-Salvini. Ecco le altre reazioni.

On. Edoardo Rixi: “Il piccolo Alfie Evans è volato in cielo. Ciao piccolo Angelo”.

Governatore ligure Giovanni Toti: “Addio piccolo Alfie. Avremmo voluto fare qualcosa, non ci siamo riusciti. Tutta la Liguria si stringe intorno ai tuoi genitori”.

Vicepresidente regionale Sonia Viale: “Insieme all’Istituto Giannina Gaslini saremmo stati pronti ad accoglierti, piccolo Alfie. Riposa in pace. Tutta la Liguria si stringe intorno ai tuoi genitori”.

Capogruppo regionale FdI Matteo Rosso e capogruppo FdI al Comune di Genova Alberto Campanella: “Alfie è stato un bimbo purtroppo protagonista di una battaglia tra gli operatori sanitari inglesi che volevano ‘staccare la spina del respiratore e un vasto movimento che ha supportato i genitori nella richiesta di mantenerlo in vita. L’Italia aveva concesso la cittadinanza perché venisse curato dall’ospedale Bambin Gesù di Roma o al Gaslini di Genova, ma la Corte d’Appello Inglese è stata irremovibile e ha respinto la richiesta dei genitori. In queste ore si attendeva la decisione dei medici che dovevano autorizzare il trasferimento del bimbo a casa per garantirgli comfort e dignità. Ma Alfie ‘è volato via’. Che senso di impotenza in tutti noi. Che tristezza!”.