Home Cronaca Cronaca Genova

Blitz dei magistrati in Lussemburgo per i fondi della Lega

0
CONDIVIDI
Palazzo di Giustizia a Genova (foto di repertorio)

I magistrati genovesi e gli investigatori della GdF oggi stanno compiendo un blitz in Lussemburgo nell’ambito dell’inchiesta sui 49 milioni di euro della Lega.

I pm nei giorni scorsi avevano ottenuto il via libera alla rogatoria internazionale e per due giorni sono stati nel Granducato per sentire un super testimone e acquisire documenti.

L’indagine era partita dall’esposto di uno dei revisori contabili, secondo cui una parte di quei 49 milioni di euro (circa 10) sarebbe finita in un paradiso fiscale all’estero.

Più che cercare soldi inesistenti in Lussemburgo, pm pensino a capire come è crollato il ponte

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la Sparkasse aveva trasferito in un fondo fiduciario del Lussemburgo 10 milioni di euro. Dopo le elezioni del 4 marzo l’autorità lussemburghese aveva bloccato per dieci giorni il trasferimento di tre milioni di euro dal Granducato all’Italia e contestualmente informato i colleghi italiani sul sospetto che l’operazione avrebbe potuto essere riconducibile ai conti della Lega.

Della movimentazione è stata anche informata la magistratura genovese che già a gennaio aveva aperto un’inchiesta per riciclaggio. La Sparkasse, però, ha riferito agli investigatori e diffuso una pubblica nota in cui ha confermato che quei 10 milioni erano dell’istituto bancario e che il trasferimento era legato a ordinarie operazioni di investimento.

Altro polverone sollevato da pm genovesi, Sparkasse: non c’è alcun tesoro della Lega