Home Cronaca Cronaca La Spezia

A San Silvestro due anziani salvati alla Spezia da marinaio della Grecale

0
CONDIVIDI
Giovanni Di Siena e Antonia Del Vento

Nella serata del 31 dicembre verso le 20.15 in località Favaro alla Spezia, due anziani spezzini sono stati salvati dalle fiamme generatesi in casa propria a causa di un petardo vagante, grazie al provvidenziale intervento di Giovanni Di Siena, un sottocapo della Marina Militare imbarcato su nave Grecale appartenente alla Prima Divisione Navale.

I due anziani spaventati dall’improvviso rumore e dall’incendio generato, hanno aperto la porta d’ingresso di casa loro e sono stati immediatamente soccorsi da Di Siena, contemporaneamente accorso avendo visto entrare dalla finestra del piano sotto la propria abitazione un razzo a cui è subito seguito un forte scoppio e del fumo nero ed acre.

Il militare ha quindi accompagnato i due anziani al sicuro lontano dalle fiamme, consegnandoli alle cure di una collega di nave Libeccio, il sottocapo Antonia Del Vento.

In quei momenti concitati, Di Siena ha valutato l’entità e la potenziale pericolosità del fuoco che stava divampando e si è dato subito da fare per sedare il rogo.

Le fiamme in pochi minuti avevano già aggredito un armadio e le vicine suppellettili; per spegnerle il sottocapo Di Siena ha messo a frutto l’esperienza maturata durante le quotidiane esercitazioni antincendio svolte a bordo della propria unità navale ed ha agito in modo efficace ed in sicurezza, evitando i fumi caldi ed avendo la meglio sulle fiamme.

Grazie al tempestivo intervento è stato possibile avere il controllo dell’incendio, che altrimenti dal primo piano avrebbe aggredito l’intero edificio prima dell’arrivo dei Vigili del Fuoco che sono comunque intervenuti.

La coppia di anziani di 89 e 79 anni, ha dichiarato di essere in vita grazie all’intervento del giovane militare.

Il sottocapo Di Siena si trovava nella propria abitazione, rientrato da pochi giorni con nave Grecale dopo più di 3 mesi di attività nell’ambito dell’operazione Mare Sicuro.