Home Spettacolo Spettacolo Genova

Torna la danza di FuoriFormato in Villa Bombrini a Genova

0
CONDIVIDI
Torna la danza di FuoriFormato in Villa Bombrini a Genova

Fuori Formato 2020. Festival internazionale di danza contemporanea e videodanza quinta edizione. 4 – 7 agosto 2020, Villa Durazzo Bombrini, Genova. Ingresso libero (prenotazione obbligatoria).

Continua l’esperienza positiva della Danza a Genova. Dopo i buoni risultati del Festival di Nervi il Comune di Genova propone Fuori Formato 2020 il Festival internazionale di Danza Contemporanea e videodanza giunto alla quinta edizione. FuoriFormato presenta al pubblico una selezione di 10 performance dal vivo, divise in tre serate, tutte a Villa Bombrini di Genova Cornigliano e una dedicata esclusivamente alla videodanza con la trasmissione dei 7 film finalisti che, nel rispetto del protocollo anticovid, saranno diffusi online. Ritmo, seduzione, leggenda, mistero sono alcuni degli argomenti trattati dalle compagnie nelle serate di FuoriFormato, l’atteso appuntamento Curato da Teatro Akropolis, Rete Danza Contempoligure e Augenblick, e organizzato dal Comune di Genova, con la sponsorizzazione di Iren, in collaborazione con Società per Cornigliano. Gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito regolamentati dalle vigenti normative anticovid con prenotazione obbligatoria.

  • La rassegna FuoriFormato, dichiarano gli organizzatori della rassegna, dimostra l’impegno del mondo della Cultura genovese, nonostante le difficoltà del momento, si è riusciti ad offrire, grazie alle sinergie messe in atto con l’amministrazione e alcune realtà locali le quattro giornate dedicate alla danza contemporanea. Non era facile riuscirci, soprattutto per le rassegne di danza, ma con grande impegno, di tutti, si sono rispettate le aspettative degli appassionati della danza, che a Genova, anche quest’anno, è proposta in tutte le sue declinazioni.

Sono oltre duecento le candidature pervenute per la quinta edizione di FuoriFormato, nonostante l’incertezza del periodo, e da cui sono state selezionate dieci proposte (tra queste una prima assoluta, due anteprime e una prima regionale), e sette film finalisti di Stories We Dance, la sezione dedicata alla videodanza internazionale, che sarà trasmessa online, in streaming gratuito e accessibile da tutto il mondo, oltre a un laboratorio, anche questo svoltosi a distanza, che ha coinvolto 16 persone tra performer e videomaker.

In scena, nella cornice del parco di Villa Bombrini dal 4 al 6 agosto, le otto compagnie selezionate provenienti da tutta Italia (Gorizia, Genova, Livorno, Firenze, Barletta, Brescia e Bologna) proporranno molti assoli, due duetti e un quartetto, offrendo un interessante spaccato sulle diverse declinazioni della danza contemporanea nazionale, attraversando diversi stili: dalla street dance, alla performance, fino a una più stretta contaminazione con alcuni temi tipici del teatro, quali la maschera e la riflessione sull’identità. Mentre il 7 agosto, giornata conclusiva della rassegna, sarà interamente dedicato ai 7 cortometraggi finalisti di Stories We Dance, la sezione di videodanza internazionale di FuoriFormato Festival, curata dall’Associazione culturale Augenblick, Sette Opere, provenienti da Austria, Francia, Italia, Regno Unito, Cile, Canada e Irlanda che, utilizzando la forma breve, raccolgono la sfida del contemporaneo per riflettere sulla relazione tra corpo in movimento e sguardo in ricerca, ora in forma narrativa, ora in chiave sperimentale, senza rinunciare a una precisa riflessione sul medium audiovisivo, e che saranno trasmessi online in streaming gratuito e accessibile da tutto il mondo.

PROGRAMMA

MARTEDÌ 04 AGOSTO 2020

  • Ore 20.30, giardino anteriore: Compagnia Bellanda Jenga (10′), Gorizia. Anteprima. – Creazione di: Compagnia Bellanda | Con: lia Claudia latini, Giovanni Gava leonarduzzi | Foto: Giovanni Gava leonarduzzi. Visioni della natura miscelata ad un vocabolario segreto. Un incantesimo ci trasporta in uno stato pre-verbale, dove suoni succulenti ci attirano nel magnetismo dell’oscurità, dove schemi ritmici psichedelici e infettivi si espandono e lampeggiano nelle sfumature, mentre ci si arrende alla gioia incontaminata della danza.
  • Ore 21.15, giardino posteriore: Olivia Giovannini IYNX (30′), Genova. Prima assoluta.

Di: Olivia Giovannini, luca serra, Giulia Ferrando | Corpo: Olivia Giovannini | suono: Luca Serra | luce: Luca Serra, Giulia  Ferrando | Fotografia: Giulia Ferrando. Iynx, ninfa esperta in filtri di seduzione, per aver desiderato l’amore di zeus viene trasformata nel torcicollo, o uccello del delirio, che ruota il capo fino a che il becco guarda la coda. l’iynx, sacro alla luna, mentre mostra la sua lingua retrattile vola con un filo stretto alla zampa, per essere recuperato da ogni amante che brama di far tornare a sé chi ama.

  • Ore 21.45, giardino posteriore: Claudia Caldarano Sul rovescio (20′), Livorno.

Interpretazione, coreografia, maschera: Claudia Caldarano | Produzione: mowan teatro, nuovo teatro delle commedie | con il sostegno di: Virgilio Sieni / Centro nazionale di Produzione, Company Blu, atelier delle arti, associazione Mus.e, le Murate. Lo sgomento di avere un corpo, di essere il corpo. La bizzarria straniante del doppio volto di Eaunus/Giano porta al rovesciamento di ogni meccanica e logica fisica. Posture deviate, spinte, slanci e forze in conflitto spezzano la metrica del movimento e aprono alla visione di figure altre

MERCOLEDÌ 05 AGOSTO 2020

  • Ore 20.30, giardino anteriore: Francesca Zaccaria, La notte di Makara (’20). Genova. Primo studio.

Ideazione, coreografia, interpretazione: Francesca Zaccaria | Produzione: alDes | con il sostegno di: MiBaCt / Direz. Generale per lo spettacolo dal vivo, Regione Toscana / sistema regionale dello spettacolo. Un piccolo gioco, una passeggiata di fantasia attorno a Makara, leggendaria creatura acquatica della mitologia Indù, raffigurata con le forme del coccodrillo palustre. Makara il guardiano che protegge gli ingressi, che custodisce le soglie. Uno stato di caos necessario, prima che compaia un nuovo stato di ordine

  • Ore 21.15, giardino posteriore: Compagnia Bellanda Jenga (10′), Gorizia. Replica
  • Ore 21.45, giardino posteriore: Sara Capanna/Michele Scappa Crepe | studi sulla fragilità della materia (20′), Firenze. Prima regionale.

Di e con: Sara Capanna, Michele Scappa | Musiche originali: Joaquín Nahuel Cornejo | Con il sostegno di: Company Blu, atelier delle arti Danza, PARC, Movimento Danza. Due corpi vivono uno spazio vuoto e risuonano della fragilità di quel vuoto che è materia. Un tentativo di costruzione, attraversato da cedimenti e macerie, trafitto dalla difficoltà di mettere radici. Una ricerca sensibile dell’agire del proprio corpo in uno spazio che si sgretola, in cui implodere e germogliare.

Ore 22.20, giardino posteriore: Gennaro Andrea Lauro Mondo (35′), Barletta. ideazione e performance: Gennaro lauro | Produzione: Lauro / Cie Meta | Coproduzione: Sosta Palmizi | Partner: Kommtanz / Abbondanza Bertoni 2019, Fabbricaltra – Schio | accolto e sostenuto da: Ménagerie de Verre – Paris, l’Échangeur CDCN Hauts-de-France, CND – Pantin, Tanz Comany Gervasi. Mondo è l’opposto di immondo e significa: resistenza di un bambino che gioca a campana in un cortile, purezza mai definitiva che emerge dall’atto di scolpirsi, totalità dei fatti e non delle cose. la supremazia del risultato, la smania di compimento ci attraversano mentre inseguiamo noi stessi. Oltre c’è il respiro, e il nostro miglior capolavoro.

GIOVEDÌ 06 AGOSTO 2020

  • Ore. 20.30, giardino anteriore: Equilibrio Dinamico Dance Company Continuum (15′), Brescia.

Coreografia, set concept, costumi: Matthias Kass, Clément Bugnon | Con: Nicola

de Pascale, Camilla Romita, Serena Angelini, Beatrice Netti. Parliamo di tempo, sempre. Un tempo che è durata, concreto, un tempo che è un oggetto da toccare. Ma se il tempo si dilata, allora trema la ragione. Quando il tempo, crescendo, si consuma, sprofondiamo in un mistero troppo grandioso da sostenere, restando impotenti di fronte a ogni eternità.

  • Ore 21.15, giardino posteriore: Equilibrio Dinamico Dance Company Equal to men (15′), Brescia. −

Coreografia e set concept: Roberta Ferrara | Costumi: Franco Colamorea | Con: Tonia Laterza. Uguali agli uomini. Così Omero definiva le amazzoni. Un segno di rispetto nella società greca patriarcale. Donne guerriere, l’arco nel pugno, lo sguardo fiero sui volti delicati. Pronte a difendere la propria indipendenza a colpi di spada o scoccate di frecce. Un mito e un archetipo che rivivono oggi, con urgenza, nelle nostre vite.

  • Ore 21.45, giardino posteriore: C&C Company Don’t be Afraid (40′), Bologna.
    Creazione originale: Carlo Massari / C&C Company | Collaborazione all’allestimento: Hun-Mok Jung | Con: Carlo Massari | Disegno luci: Francesco Massari | Coproduzione: C&C Company, residenza IDRA, teatri di vetro | in collaborazione con: TCVI, residenza Genius Loci / Teatro Akropolis. Il Fauno è un nuovo nato, un virgulto che cavalca la storia, sorpreso ad amare e a scopare, a vincere e a perdere miseramente. Strappato alla terra, cade nell’eternità della notte. Il suo fare ricorda azioni punitive, elmetti d’oro, imprese guerrafondaie, richiami all’arte neoclassica, grida d’amore e infondate ostentazioni di virilità. Nello spettacolo è presente il nudo integrale.

VENERDÌ 07 AGOSTO 2020

STORIES WE DANCE | VIDEODANZA INTERNAZIONALE
Video online streaming dalle ore 21.00
(seguire il sito e i canali social del festival per scoprire come accedere alla screening room online dell’evento)

Nella serata, la giuria, che quest’anno è formata da Anna Daneri, curatrice indipendente, Giselda Ranieri, danzatrice e coreografa, e Roberta Segata, fotografa e artista visiva. Assegnerà il premio del valore di 500 Euro al Miglior Film, oltre a tre menzioni speciali alla regia, alla coreografia e al concept. Alla votazione è invitato anche il pubblico.

I film finalisti sono:
-Do I have to build something starting from the white?, Giulia Camba,Mimì Enna,Vittoria Soddu, Italy 2019, 9’ 30’’
-DONT KNOW WHAT, Thomas Renoldner, Austria 2019, 8’
-Navigation, Marlene Millar, Canada/Ireland 2020, 13’
-Proximos, Patricio Soto-Aguilar, Chile 2019, 12’ 40’’
-Regained Bathers, Ludivine Large-Bessette, France 2019, 12’ 45’’
-Train-Train, Benjamin Seroussi, France 2020, 3’ 06’’
-We Are Ready Now, Jack Thomson, UK 2019, 1’ 37″

Sempre nel corso della serata sarà presentato, fuori concorso, il dance film collettivo realizzato dal laboratorio di FuoriFormato, curato da Marco Longo, Alessandra Elettra Badoino, Claudia D’occhio e Nicoletta Bernardini. Un filmato centrato sulla relazione tra corpo e sguardo, e il cui spunto tematico è il sogno. A cui hanno partecipato: Alice Guarente, Alice Icardi, Astrid Carolina Ardenti, Giorgia Ponticello, Giovanni Sacchi, Giulio Bellotto, Hilda Salcedo, Lea Pedri Stocco, Luisa Gentile, Marta Innocenti, Martina Mastroviti, Matilde Mele, Michele Santoro, Noemi Forti, Sara Mitola, Stefano Triggiani.

INFORMAZIONI UTILI

−  La sezione live del festival si svolgerà nella piena ottemperanza dei protocolli anti Covid-19. Sia per la parte artistica sia per il pubblico.
−  Ad ogni spettacolo è ammesso un numero limitato di persone. È pertanto obbligatoria la prenotazione.
−  Tutti gli eventi, live e online, sono gratuiti.
−  Dalle ore 19.30, a Villa Durazzo Bombrini, sarà disponibile il servizio bar e ristoro a cura di Asini&Basilico.
−  In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà all’interno dei locali di Villa Bombrini.

I luoghi del festival:
DANZA CONTEMPORANEA (4-5-6 agosto)
Villa Durazzo Bombrini | Via Ludovico A. Muratori 5, Genova Cornigliano (parcheggio gratuito)

VIDEODANZA STORIES WE DANCE (7 agosto) Online streaming | ore 21.00

Per informazioni: www.fuoriformatofestival.com