Home Spettacolo Spettacolo Savona

Teatro nelle Grotte di Borgio Verezzi

0
CONDIVIDI
“La storia straordinaria di Arthur Gordon Pym
“La storia straordinaria di Arthur Gordon Pym

Teatro nelle Grotte di Borgio Verezzi. Appuntamento con “La storia straordinaria di Arthur Gordon Pym” il 13, 14 e 16 agosto.

Teatro nelle Grotte di Borgio Verezzi, i dettagli.

Nelle grotte più colorate d’Italia, chiude la 56^ stagione del Festival teatrale di Borgio Verezzi. Lo fa con lo spettacolo “La storia straordinaria di Arthur Gordon Pym”, un testo di Marco Badi liberamente ispirato al racconto di Edgar Allan Poe, con protagonisti Michele Carli e Simonetta Potolicchio, diretti da Alberto Gagnarli.

Lo spettacolo, che andrà in scena il 13, 14 e 16 agosto con due repliche a serata (la prima alle 20.30 la seconda alle 22.00), segna un importante ritorno del teatro nelle grotte di Borgio Verezzi, location che prima della pandemia aveva fatto da cornice a molte rappresentazioni teatrali del Festival.

L’idea per questo spettacolo è nata e si è sviluppata in stretta collaborazione tra la parte drammaturgica e la parte registica e ha preso spunto dal famoso quadro di R. Magritte “La reproduction interdite” nel quale è ben visibile, in basso sulla destra, una copia dello stesso “Gordon Pym”. Nel quadro lo specchio, che riflette le spalle del personaggio, rimanda non solo al gioco dei doppi, ma serve anche a puntare la lente di ingrandimento sulla parte più nascosta e profonda del proprio Io.

Il viaggio di Gordon Pym rappresenta così una vera e propria metafora della condizione umana, al di là dei generi (il personaggio di Gordon Pym sarà interpretato da Simonetta Potolicchio), con il passaggio dalla passionalità dei sogni giovanili alla maturità dell’età adulta, attraverso un viaggio esteriore e, soprattutto, interiore: fatto di prove dolorose e cruciali disillusioni che convergono però sempre verso la realizzazione di un essere umano maturo e consapevole, capace di compassione e generosità verso i propri simili e, in ultimo, anche verso se stesso.

La particolarità dello spettacolo risiede anche nello sviluppo della storia, che assumerà i connotati del “teatro di figura”: i due interpreti infatti dialogheranno con gli altri personaggi, incarnati da “burattini”, che rientrano a buon titolo nella grande tradizione mitteleuropea.

Maggiori dettagli

Per informazioni e biglietti gli spettatori possono visitare il sito del Festival www.festivalverezzi.it e rivolgersi alla biglietteria di viale Colombo 47, aperta tutti i giorni, tranne il 15 agosto, dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 18.30, chiamando lo 019.610167 o inviando una mail a biglietteria@comuneborgioverezzi.it.

Nelle serate di spettacolo è attivo il servizio di bus navetta al costo di un euro a tratta con partenza dal piazzale del Teatro Gassman (quattro corse con orario 19.15 – 19.45 – 20.10 – 20.30), e ritorno dal parcheggio di Piazza Gramsci (prima corsa 10 minuti dopo il termine dello spettacolo; tre corse a seguire a circa 20 minuti una dall’altra).