Home Spettacolo Spettacolo Genova

Teatro Nazionale di Genova, nominato il nuovo CdA

0
CONDIVIDI
Teatro Nazionale di Genova, nominato il nuovo CdA

E’ stato eletto ieri, giovedì 22 luglio, dall’Assemblea dei Soci, Comune di Genova, Regione Liguria e Camera di Commercio, il nuovo CdA del Teatro Nazionale di Genova.

Presidente del Consiglio di Amministrazione è stato confermato il Dott. Alessandro Giglio, nominato dal Comune di Genova.

Il nuovo vicepresidente, di nomina regionale, è l’Avvocato Alberto Pozzo, che subentra al Prof. Marco Salotti.

I consiglieri sono l’Avvocato Anna Maria Calcagno, l’Avvocato Riccardo Ferrari – entrambi nominati dal Comune di Genova – e la dottoressa Ester Armanino, già nominata dal Ministero della Cultura.

«Rinnovo la mia stima al presidente del Teatro Nazionale Alessandro Giglio e mi congratulo per la sua riconferma nel ruolo», ha detto l’assessore alle Politiche culturali del Comune di Genova, Barbara Grosso che poi ha aggiunto: «Al presidente Giglio, ai consiglieri Anna Maria Calcagno, Riccardo Ferrari, Ester Armanino e alla new entry vicepresidente Alberto Pozzo, va il mio sentito augurio di buon lavoro. Il Comune di Genova assicura collaborazione e sostegno: insieme possiamo continuare a lavorare per la crescita del nostro teatro, la cui scuola è una delle più apprezzate nel panorama nazionale».

«I complimenti ad Alessandro Giglio per la riconferma e ad Alberto Pozzo per la nomina a vicepresidente, in un passaggio di consegne con Marco Salotti che resterà a rappresentare Regione Liguria in Assemblea dei Soci, insieme a Pino Petruzzelli, e a dare un fattivo e prezioso supporto al nostro teatro. Auguri di buon lavoro a chi è stato riconfermato nel Consiglio d’Amministrazione, come l’Avvocato Anna Maria Calcagno, o a chi inizia ora il suo mandato, come l’Avvocato Riccardo Ferrari», ha detto Ilaria Cavo, Assessore alla Cultura e allo Spettacolo della Regione Liguria

Il nuovo Consiglio di Amministrazione del Teatro Nazionale di Genova sarà in carica con effetto immediato per i prossimi cinque anni.