Home Cronaca Cronaca Mondo

Stop green pass in Uk, Andreoni: non facciamo come loro, pericoloso

0
CONDIVIDI
Stop green pass in Uk, Andreoni: Non facciamo come loro, pericoloso
Stop green pass in Uk, Andreoni: Non facciamo come loro, pericoloso

L’infettivologo Andreoni: Italia non imiti premier Johnson

Niente più green pass per accedere ai locali e ai grandi eventi in Inghilterra. Il progetto del passaporto vaccinale è stato cancellato. L’annuncio della marcia indietro del governo di Londra arriva dal responsabile alla Salute, Sajid Javid, alla Bbc.

“Non dobbiamo fare le cose solo per il gusto di farlo”, ha dichiarato Sajid Javid. “Non mi è mai piaciuta l’idea di dire alle persone ‘mostrate i documenti’ per svolgere semplicemente un’attività ordinaria e quotidiana. Abbiamo esaminato la questione e sono felice di dire che non procederemo con il piano per il passaporto vaccinale”, ha poi aggiunto Javid.

Il governo ha sottolineato come il piano verrà tenuto ‘di riserva’ nel caso fosse necessario con l’arrivo della stagione fredda.

Stop green pass in Uk, Andreoni: Non facciamo come loro, pericoloso
Massimo Andreoni

A tale notizia, secondo quanto riporta Adnkronos, Massimo Andreoni, primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) ha dichiarato: “una scelta che è certamente pericolosa. Stiamo vedendo tante persone non vaccinate ricoverate con una malattia Covid molto grave, quindi è auspicabile che il Governo non imiti la scelta di Johnson”.

“Il Regno Unito – prosegue Andreoni, sempre secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Adnkronos – è stato sempre molto liberale nell’approccio agli strumenti per combattere la pandemia. Scelte che poi hanno portato a lockdown anche molto lunghi. E’ probabile che questo passo indietro sul Green punti ad ottenere una immunità legata all’infezione naturale, ma questo è certamente è pericoloso.”… “Mentre il Green pass si è rivelato un ottimo strumento per spingere le vaccinazioni nelle fasce giovani e in chi era meno convinto”.