Home Cronaca Cronaca Genova

Rifornisce di alcol abusivo e in negozio ha merce mal conservata

0
CONDIVIDI
La merce sequestrata in un negozio di via prè

Nel negozio è stato anche trovato del pesce gatto essiccato e pesci congelati neppure incartati

Gli uomini del reparto Sicurezza Urbana hanno trovato un’ambulante irregolare in via della Maddalena.

Il giorno dopo hanno effettuato un sopralluogo nell’attività dove l’uomo ha detto di essersi rifornito e hanno trovato etichette irregolari, freezer a temperatura troppo alta, una grande quantità di pesce surgelato nemmeno incartato.

Nei giorni scorsi, gli uomini della pattuglia Antidegrado ed Expo del reparto Sicurezza Urbana in transito in via della Maddalena hanno notato un uomo di origine nordafricana che proponeva in vendita merce contenuta in una borsa nera.

La merce sequestrata

Sono entrati nel locale dove si era rifugiato e, da un più attento controllo, hanno capito che all’interno della borsone, sotto alcune giacche, erano state nascoste 6 bottiglie di vodka mentre dietro la borsa, non visibili dall’esterno, c’erano 4 confezioni di whisky.

Lo straniero ha detto di aver acquistato le bottiglie in un negozio in via di Prè, ma non era in grado di esibire scontrino fiscale attestante l’acquisto.

Gli agenti hanno deciso di effettuare un immediato sopralluogo, ma il negozio indicato dall’uomo, al loro arrivo, era chiuso.

Il venditore abusivo è stato sanzionato ai sensi della legge regionale 1/2007 perché vendeva in forma itinerante in area interdetta da ordinanza del sindaco.

La merce è stata sequestrata.

Il giorno dopo, gli agenti del nucleo Commercio del reparto sono tornati a effettuare il controllo in via Prè.

Hanno trovato solo una delle marche di alcolici vendute dall’ambulante irregolare.

Dall‘ispezione del locale è emerso che molti dei prodotti messi in vendita erano scaduti e che altri non riportavano la traduzione delle etichette degli ingredienti.

Inoltre, gli agenti hanno riscontrato una cattiva conservazione di carne e pesce surgelato.

Hanno quindi chiesto l’intervento della Asl che, con l’apposita apparecchiatura che misura la temperatura dei prodotti surgelati, ha confermato la cattiva conservazione degli alimenti tenuti ad una temperatura molto più alta rispetto ai -18 gradi previsti dalla legge.

Nel congelatore, inoltre, erano presenti circa 50 pesci senza etichettatura e nemmeno incartati.

In magazzino gli operatori del reparto Sicurezza Urbana hanno rinvenuto numerosi pacchi di pesce gatto essiccato di cui non si conosce la provenienza.

Il titolare è stato sanzionato e denunciato per le irregolarità.

La merce è stata posta sotto sequestro per la successiva distruzione.