Home Spettacolo Spettacolo Genova

Rassegna di drammaturgia contemporanea al Teatro nazionale

0
CONDIVIDI
The confession alla Piccola Corte, il senso di far teatro in guerra

La 24esima edizione della Rassegna di drammaturgia contemporanea si svolgerà alla Piccola Corte e alla Sala Mercato dal 29 maggio al 6 luglio 2019.

Nata nel 1996 in seno al Teatro Stabile di Genova, la Rassegna ha da sempre il duplice obiettivo di mettere a confronto nuove generazioni di attori e di registi con le voci più interessanti della drammaturgia contemporanea internazionale, mettendo in scena testi inediti in Italia. Una finestra aperta sul mondo per raccontare famiglia, guerra, immigrazione, eventi politici e personali: l’umanità con le sue crisi e le sue passioni e la storia nel suo divenire emerge con forza nei cinque spettacoli,  in un gioco continuo tra microcosmo e macrocosmo.

Molte delle produzioni presentate inizialmente come mise en espace sono successivamente state accolte all’interno del cartellone principale del Teatro con allestimenti più completi. Tra i tanti drammaturghi rappresentati in questi anni troviamo nomi oggi molto conosciuti, come Martin McDonagh, Marius von Mayerburg, Robert Farquhar, Juan Mayorga, Owen McCafferty, Athol Fugard, Rafael Spregelburd, giusto per citarne alcuni, per un totale di quasi 90 testi provenienti da 30 paesi diversi.

Programma:

PICCOLA CORTE  29 maggio – 8 giugno Bashir Lazhar (Canada) di Evelyne de la Chenelière

SALA MERCATO 5 – 16 giugno Estate in dicembre (Spagna) di Carolina África Martín Pajares

PICCOLA CORTE 12 – 22 giugno Sono come voi, amo le mele (Germania) di Theresia Walser

SALA MERCATO dal 19 al 29 giugno Rob (Grecia) di Efthymis Filippou

PICCOLA CORTE dal 26 giugno al 6 luglio The Confession (Siria) di Wael Qadour

A cura di Angelo Pastore, Marco Sciaccaluga, Giorgio Gallione e Andrea Porcheddu

Prezzi: posto unico: 6 euro – 5 spettacoli 15 euro.

Eli/P