Home Cronaca Cronaca Genova

Procuratore Cozzi conferma: demolizione non prima degli accertamenti dei periti

0
CONDIVIDI
Ponte Morandi a Genova

“I tempi della demolizione non dipendono dalla procura. Ci sono i periti nominati dal gip che dovranno fare i loro accertamenti e non è detto che non si possa poi procedere alla demolizione anche prima della scadenza dei 60 giorni. Certo, c’è anche il problema che non è ancora stato presentato un piano da chi ha le competenze”.

Lo ha dichiarato oggi il procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi, parlando dei tempi dell’incidente probatorio per il tragico crollo del Ponte Morandi.

Dopo l’udienza di ieri, la prossima è stata fissata per il 17 dicembre, dove sarà esaminata la super perizia la cui consegna è prevista entro il 5 dicembre.

Pertanto, i lavori di demolizione, salvo richieste di supplementi di perizia, dovrebbero cominciare non prima di questa data. Se i periti termineranno gli accertamenti prima del 5 dicembre, allora l’area del Polcevera potrà essere dissequestrata e cantierabile per la demolizione e quindi la ricostruzione.

Tribunale: Codacons parte offesa Cgil no, demolizione non prima di dicembre