Home Sport Sport Genova

Pari interno per il Park all’esordio in A1 maschile con TC Pistoia

0
CONDIVIDI

Il Park Tennis Genova esordisce nel girone 1 del campionato 2021/2022 di serie A1 con un pareggio interno contro il Tennis Club Pistoia. Finisce 3-3 nei campi di via Zara, con una buona cornice di pubblico (compatibile con i protocolli anti Covid-19 della FIT), una partita in cui i toscani balzano avanti (3-1) dopo i singolari e i liguri di capitan Tommaso Sanna, campioni d’Italia 2020, sono abili a raddrizzarla dopo i doppi. Finisce con l’esultanza dei soci che assistono, poco dopo le 17, prima al successo della coppia Giannessi-Kolar su Vavassori e Marterer e, poco dopo, all’emozionante supertiebreak del terzo set dove i giovani Ceppellini e Sorrentino, componenti del vivaio, hanno la meglio (10-8) su Vatteroni e Rossi portando così a termine di una grande rimonta.

Il ceco Zdenek Kolar, all’esordio con il Park, deve arrendersi ad Andrea Vavassori Finisce 7-6 7-5. L’alfiere di Pistoia è bravo, nel primo set, a rimontare da 0-4 e a vincere al tie break  sfruttando la prima palla set. Il secondo set è all’insegna dell’equilibrio: sul 6-5 Kolar annulla sei match point prima della chiusura in volée da parte di Vavassori.  Luigi Sorrentino inizia bene contro  Lorenzo Vatteroni: il primo set gli sorride (6-4) ma, con lo stesso punteggio, il secondo gli sfugge. Il terzo, decisivo, premia ancora Pistoia con il punteggio di 6-2 con Sorrentino che chiama il trattamento medico al termine del quarto gioco. Il punto dell’1-2 lo firma Alessandro Giannessi al termine di un match dai due volti: primo set (6-1) in discesa contro Maximilian Marterer, abile a rientrare prepotentemente in partita nel secondo dove il trentunenne tennista gialloblù riesce a imporsi con determinazione, testa e grande cuore al tie break. L’ultimo singolare di giornata vede Alessandro Ceppellini lottare strenuamente nel primo set contro Leonardo Rossi prima di cedere 7-5. Strada in discesa per Pistoia nel secondo, vinto con il punteggio di 6-2.

Sul 3-1, dopo aver fatto quadrato con il capitano Tommaso Sanna, viene fuori il carattere parkiota. Giannessi e Kolar affrontano Vavassori e Marterer imprimendo al match direzione Genova sin dalle prime battute. Il primo set termina 6-3 con il decisivo break all’ottavo gioco.  Più combattuto il secondo set dove il doppio genovese si impone per 7-5. E’ il punto del 2-3 e arriva pochi minuti il pareggio firmato da Ceppellini e Sorrentino che prima mettono alle corde Rossi e Vatteroni con un buon tennis nel primo set concluso 6-3 a favore del Park e poi, dopo aver ceduto 2-6 nel secondo set, tirano fuori carattere, determinazione e grande cuore nel super tiebreak. Sotto 4-2, i due componenti del vivaio gialloblù reagiscono e, dopo aver fallito due match point, chiudono 10-8 il loro match. E’ il punto del 3-3.

“E’ stata una vera e proprio battaglia oggi ed è stato importante poter contare sul sostegno dei nostri soci nei momenti più difficili – afferma il capitano Tommaso Sanna – I primi due singolari sono purtroppo girati male: sullo 0-2 è stato bravissimo Giannessi a vincere una partita molto dura e poi abbiamo rischiato nei doppi dove sapevamo di affrontare un giocatore molto quotato come Vavassori. Siamo così riusciti a raggiungere un pareggio che era diventato quasi insperato”.  Una bella risposta dal vivaio. “Ceppellini e Sorrentino hanno tirato fuori il cuore: sono due ragazzi che ogni volta che vengono chiamati in causa durante i gironi danno sempre il massimo”.

“Vengo da 3 mesi in cui purtroppo non sono riuscito ad allenarmi come avrei voluto e quindi sapevo di dover partire aggressivo contro un avversario di assoluto livello come Marterer, già numero 55 al mondo – afferma Alessandro Giannessi – Sapevo si sarebbe rifatto sotto dopo il primo set e così è stato: non venendo da un periodo di grande intensità, è stato importante chiuder la partita al tie break”. Una dedica speciale. “E’ stato bello vincere questo match sotto gli occhi di mio figlio Lorenzo, è stato speciale sentire ogni tanto qualche suo urletto dalla tribuna”. Dieci anni di Park per il trentunenne tennista spezzino. “Il Park è una famiglia per me perché qui mi hanno cresciuto: ero un ragazzino quando sono arrivato, sono felice di poter dare l’esempio anche in funzione dell’inserimento dei miei compagni più giovani”.

Prossimo match domenica a Crema, oggi vincitrice in casa di Massa Lombarda per 4-2.

In serie A2 femminile, sconfitta a Cagliari (1-3) per la squadra diretta dal capitano Giorgia Buchanan. Tre battute d’arresto nei singolari per Cristiana Ferrando (6-1 2-6 7-5 a favore di Despina Papamichail), Corinna Dentoni (6-1 6-2 a favore di Nuria Brancaccio) e Anita Bertoloni (5-7, 6-2, 6-3 a favore di Barbara Dessolis). Il punto del Park lo mettono a segno Bertoloni e Ferrando nel doppio con un periodico 6-2 rifilato a Brancaccio e Dessolis.