Home Sport Sport Genova

Pallanuoto, A1F: Bogliasco e Rapallo in semifinale

0
CONDIVIDI

Si aprono con due sorprese le final six Unipolsai che decideranno il trentaquattresimo scudetto femminile.

La Bogliasco Bene, sesta della regular season, batte la SIS Roma (terza) 7-4 nel primo quarto di finale e si qualifica alla semifinale dove affronterà le campionesse d’Italia della Plebiscito Padova sabato alle 20.00. Nel match in diretta su WP Channel, col commento di Ettore Miraglia e del cittì del Setterosa Fabio Conti, molto equilibrio per due tempi. Poi il break decisivo delle liguri con un perentorio 5-1 prodotto dalle veloci controfughe dell’australiana Casey. Anche il secondo quarto di finale tra Kelly Milano-Rapallo Pallanuoto vede le quinte battere le quarte in una partita che termina 11-4 per le liguri addirittura sull’8-0 a metà terzo quarto. Le due squadre si erano incontrate sabato scorso e avevano pareggiato 10-10. Ora il Rapallo è atteso dalla prima semifinale contro l’Ekipe Orizzonte Catania, vincitore della regular season, alle 18.30 in diretta su WP Channel. Seguono tabellini, commenti e programma.

SIS Roma-Bogliasco Bene 4-7
SIS Roma: Sparano, Tabani, Gual Rovirosa 2, Marani, Giovannangeli, Tankeeva 1, Picozzi, Sinigaglia, Galardi, Centanni, Giachi 1, Cellucci, Brandimarte. Coach Formiconi.
Bogliasco Bene: Falconi, Viacava, Zimmerman, Dufour, Trucco, Millo 1, Maggi 2, Rogondino, Boero, Rambaldi Guidasci, Cocchiere 2, Casey 2, Malara. Coach Sinatra.
Arbitri: Collantoni, Carmignani
Note: parziali 2-2, 0-0, 1-5, 1-0. Spettatori 200 circa. Malara in porta per Bogliasco. Superiorità numeriche: Sis Roma 2/10, Bogliasco 2/7. Sinatra (all. B) ammonito per proteste. Tabani (R) uscita per limite di falli nel quarto tempo.

CRONACA. Partenza lenta con le squadre che si studiano. Poi in due minuti quattro fiammate: Maggi apre le danze ben servita da Millo (0-1); la spagnola Gual Rovirosa, vicecampionessa mondiale a Budapest, impatta dopo 18 secondi sola soletta dall’angolo. Poi due superiorità numeriche: al gol di Maggi dal perimetro risponde ancora la fantasista iberica dai cinque metri con deviazione della difesa (2-2). Si ricomincia sulla falsariga del primo tempo, con le squadre che cercano il gioco al centro con Galardi e Cocchiere senza riuscire a sbloccare il puntegggio. L’australiana Zimmerman prende due falli gravi, ma Roma non passa e l’attacco si inceppa anche nella quarta occasione in più (1/4). Seconda parte di gara più pimpante. Stavolta è la giallorossa Giachi a prendere il secondo fallo grave e Cocchiere si sblocca dal centro (2-3). Roma sbanda: prima il centroboa ligure classe ’99 fa doppietta e poi una controfuga dell’australiana Casey porta addirittura sul + 3 le biancocelesti dopo 2 minuti del terzo tempo (5-2). Roma sembra anestetizzata, sbaglia due superiorità e offre la quinta chance alle liguri che trasformano. Le giallorosse ritrovano la via del gol dopo 15 minuti di paralisi, grazie a una sontuosa girata dal centro di Tankeeva ben assistita da Centanni per il topgol del match (3-5). Le ragazze di Formiconi provano a rientrare, ma il gol arriva dall’altra parte con due controfughe: Casey fa doppietta e Millo che porta le compagne al massimo vantaggio sul +4 (7-3). Nel quarto tempo Giachi apre le danze dopo un minuto e mezzo segnando il meno tre in azione di superiorità (2/7). La pressione giallorossa aumenta e il Bogliasco si carica di falli. Tabani tiene la difesa capitolina, ma esce per tre falli gravi (due consecutivi). La Bogliasco Bene gestisce il possesso; Picozzi fallisce due superiorità numeriche a 2 minuti dal termine. Fine dei giochi. Le liguri giocheranno la semifinale con le campionesse d’Italia del Padova.

Kally NC Milano-Rapallo 4-11
Kally NC Milano: Nigro, Apilongo, Crudele, Gitto, Ranalli, Fisco 1, Manczinger 1, Zerbone, Cordaro, Crevier 2, Magni, Repetto, Rosanna. Coach Diblasio.
Rapallo: Lavi, Zanetta 2, Gragnolati 3 (1 rig.), Avegno 2, Marcialis, Sessarego, Antonucci, Giustini, Van Der Graaf 1, Cuzzupe, Genee 1, Gagliardi 2, Gaetti. Coach Antonucci.
Arbitri: Calabro, Ercoli
Note: parziali 0-5, 0-2, 2-1, 2-3- Spettatori 300 circa. Presente in tribuna Antonio Cassano. Superiorità numeriche: Milano 2/13, Rapallo 5/8. Zanetta e Marcialis (R) espulse per limite di falli nel quarto tempo.

CRONACA. Il match si apre con due superiorità: Milano sbaglia con Manczinger, mentre Rapallo passa con l’olandese Genee che la spinge dai due metri. Le liguri sono scatenate e raddoppiano con Zanetta a metà tempo. Milano sbanda e perde colpi soprattutto in difesa, dove subisce una controfuga velenosa trasformata dalla millenians Galardi, ben servita dall’azzurra Gragnolati (3-0). E’ un monologo gialloblu con Zanetta ispiratissima da fuori per il 4-0 prima del 5-0 di Avegno sull’ennesima sbandata difensiva delle milanesi. Le biancorosse non si sbloccano e sbagliano anche la quarta superiorità concessa per fallo grave di Marcialis (lady Cassano seguita dal marito in tribuna). L’ungherese Manczinger non si sblocca nenche sul quinto extraman e allora sono ancora le liguri che passano: il secondo fallo grave milanese concede il bel giro palla delle avversarie finalizzato dall’altra olandese ex Gouda, Van der Graaf, che fa due su due e 6 a 0 a metà tempo. Il monologo delle calottine scure si allunga anche al 7-0 con tiro a schizzo di Gragnolati. Due superiorità sbagliate per parte chiudono la metà gara. Nel terzo tempo i ritmi calano e Rapallo aumenta ancora il break grazie al tandem Gragnolati-Galardi che confeziononano l’8-0. Dopo 22’20 arriva il timbro delle meneghine con la conclusione da fuori di Fisco che la piazza all’angolo alla sinistra di Lavi. Il tempo del secondo gol biancorosso della canadese Crevier (il primo in extraman su otto tentativi) e si apre la volata finale sul 2-8. Il botta e risposta in superiorità numerica tra Crevier e Avegno lascia il distacco inalterato in apertura di ultimo tempo (9-3). La magiara Menczinger si sblocca con la palomba del meno cinque (4-9) ma poi ne sbaglia una identica l’azione successiva, che avrebbe potuto dare maggiore brio al finale che invece è ancora gialloblu con la doppietta di Gragnolati in extraplayer e su rigore per il nuovo +7 (11-4) che chiude definitivamente il match.

FINAL SIX UNIPOLSAI – Firenze 11-13 maggio

venerdì 11 maggio
Sis Roma-Bogliasco Bene 4-7 WP CHANNEL
20:00 Kally Milano-Rapallo 4-11 WP CHANNEL

sabato 12 maggio
17:00 finale 5/6 posto Sis Roma/Kally Milano WP CHANNEL
18:30 L’Ekipe Orizzonte – Rapallo semifinale WP CHANNEL
20:00 Plebiscito Padova – Bogliasco Bene semifinale WP CHANNEL

domenica 13 maggio
15:00 esibizione Waterpolo Ability
16:30 finale 3/4 posto WP CHANNEL
18:00 finale 1/2 posto RAISPORT

ALBO D’ORO
1985 Volturno
1986 Volturno
1987 Volturno
1988 Volturno
1989 Volturno
1990 Volturno
1991 Volturno
1992 Orizzonte Catania
1993 Orizzonte Catania
1994 Orizzonte Catania
1995 Orizzonte Catania
1996 Orizzonte Catania
1997 Orizzonte Catania
1998 Orizzonte Catania
1999 Orizzonte Catania
2000 Orizzonte Catania
2001 Orizzonte Catania
2002 Orizzonte Catania
2003 Orizzonte Catania
2004 Orizzonte Catania
2005 Orizzonte Catania
2006 Orizzonte Catania
2007 Fiorentina WP
2008 Orizzonte Catania
2009 Orizzonte Catania
2010 Orizzonte Catania
2011 Orizzonte Catania
2012 Pro Recco
2013 Rapallo Pallanuoto
2014 Mediterranea Imperia
2015 Plebiscito Padova
2016 Plebiscito Padova
2017 Plebiscito Padova