Home Economia Economia Italia

Ostilità contro Autostrade, Cgil-Cisl-Uil-Cisal-Ugl agli utenti: i lavoratori non c’entrano

0
CONDIVIDI
Casello Genova Est: Autostrade spa assassini non paghiamo più

“Ci preoccupano molto le notizie di vandalismo al casello di Genova Est (del 24 novembre scorso con il blocco, ndr) e presso la sede della Direzione Generale di Roma di Autostrade per l’Italia (del 12 ottobre scorso con lanci di petardi e vernice rossa, ndr) nonché le innumerevoli segnalazioni che ci arrivano dai lavoratori impiegati in prima linea in tutto il territorio nazionale, riguardanti l’ostilità dell’utenza dopo la tragedia del crollo del Ponte Morandi”.

Lo hanno dichiarato oggi i responsabili delle segreterie nazionali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal, Ugl Viabilità e Logistica in merito agli episodi di ostilità che continuano a registrarsi in tutta Italia.

“Stigmatizziamo – hanno aggiunto i sindacalisti – come atto vergognoso e come profonda ingiustizia ogni insulto ed ogni atto aggressivo verso questi lavoratori, che invece la collettività deve sostenere e incoraggiare, soprattutto per la dedizione e l’impegno profuso nei momenti drammatici e difficili, ricordando anche che, nello svolgimento dell’attività lavorativa quotidiana, molti di loro percorrevano quel tratto di ponte anche più volte al giorno.

La tragedia del Ponte Morandi è un dramma incancellabile per l’intero Paese ed è necessario che le istituzioni preposte accertino in tempi rapidi tutte le responsabilità, affinché le vittime dirette e indirette della tragedia, e una città intera, possano avere piena giustizia.

Ma altrettanto indiscutibile deve essere il fatto che nessuna responsabilità di quanto accaduto possa essere attribuita ai lavoratori di Autostrade per l’Italia e delle società ad essa collegate.

Ogni lavoratore sia di giorno che di notte che durante le festività, mette sempre al primo posto e prioritariamente la qualità del servizio e la sicurezza della circolazione, attenendosi alle disposizioni aziendali con grande professionalità e immutato senso di responsabilità”.