Home Economia Economia Italia

Norme anti riciclaggio, Carige condannata in Cassazione: sanzioni per 3,6 milioni

0
CONDIVIDI
Carige (foto di repertorio)

Sono state confermate oggi dalla Corte di Cassazione, a titolo di sanzione pecuniaria amministrativa per omessa segnalazione di operazioni finanziarie, due ‘multe’ emesse dal ministero dell’Economia nel 2001 nei confronti di Carige per un totale di circa 3 milioni e 600 mila euro per violazione delle norme contro il riciclaggio.

Nel mirino della Guardia di Finanza era finita la filiale di Mondovi’ e la banca si era opposta davanti al tribunale locale che nel 2003 aveva annullato l’ingiunzione di pagamento giudicando tardiva la contestazione.

Su ricorso del ministero, i giudici della Suprema Corte nel 2009 avevano riaperto il caso incaricando il Tribunale di Alba.

Nel 2010 i magistrati piemontesi confermarono l’annullamento delle maxi multe, decisione però cassata dalla Corte di Appello di Torino che, nel 2013, aveva stabilito la validità delle sanzioni.

L’istituto bancario genovese aveva quindi presentato il ricorso in Cassazione sostenendo che il ministero “non avrebbe fornito prova sulle operazioni di riciclaggio” ma gli ermellini hanno respinto il ricorso di Carige e hanno confermato le maxi sanzioni.