Home Consumatori Consumatori Italia

Non molte persone contagiate da Covid-19 a Roma

0
CONDIVIDI
Non molte persone contagiate da COVID-19 a Roma

Sono poche le persone colpite da coronavirus nella Capitale rispetto alla platea di chi potrebbe essere ancora contagiato

Tra chi ha contratto l’infezione solo una percentuale irrisoria ha guadagnato la piena immunita’.

E’ quanto è emerso oggi da uno studio condotto da Altamedica Medical Center di Roma, che ha eseguito un’analisi epidemiologica su 617 soggetti del territorio romano (303 uomini e 314 donne di diverse classi di eta’) sottoposti a test sierologici per la ricerca di anticorpi contro il Covid-19 al fine di verificare l’esposizione all’infezione e lo stato di immunita’ completa.

“Tutti i soggetti hanno reso completo consenso informato e sono stati sottoposti a prelievo venoso a domicilio. Nessuno presentava condizioni critiche”.

Lo studio, partito nel mese di marzo, ha esaminato il campione con metodologia multipla.

Nel dettaglioo: “solo il 5% dei soggetti risulta essere stato infettato, mentre il 95% e’ potenzialmente ancora a rischio. L’infezione viene contratta piu’ spesso dagli individui di sesso maschile (60%) che femminile (40%). In piu’ del 50% dei soggetti che hanno contratto il virus e’ stata rilevata assenza di sintomi (70% uomini e 30% donne).

Tra i sintomi maggiormente accusati nei soggetti con anticorpi positivi il piu’ frequente e’ stata l’ipertermia (43%), seguita dalla perdita dell’olfatto (29%).

L’infezione, datata sulla storia naturale dei movimenti anticorpali, e’ concentrata nei due mesi precedenti gli ultimi 15/20 giorni. Infine, solo in un caso (0,15%) si e’ riscontrata una piena immunita’ con presenza di sole IgG”.

“Si tratta del primo studio su popolazione sottoposta a screening anticorpale e sebbene il campione raccolto sia ancora esiguo si possono trarre importanti deduzioni che dovranno poi essere confermate in casistiche piu’ ampie” ha spiegato Claudio Giorlandino, ginecologo, direttore sanitario Gruppo Sanitario Altamedica e direttore generale dell’Italian College of Fetal Maternal Medicine.

“Se infatti – ha aggiunto – venisse confermata una percentuale dello 0,15% di soggetti portatori di immunita’ acquisita, ricercare quello che impropriamente viene chiamato ‘patentino di immunita” sembrerebbe destituito di ogni valore e utilita’ e la scelta sanitaria di screenare tutta la popolazione italiana risulterebbe insensata per il fatto che, comunque, si dovrebbe proteggere dalla infezione la stragrande maggioranza della popolazione che non ha contratto l’infezione.

Le enormi risorse che si stanno impiegando per tali test potrebbero invece essere impiegate nella prevenzione e nel supporto sociale”.

La ricerca segue uno studio pilota sulla analisi della sensibilita’ e specificita’ di test sierologici che, anche se gia’ perfettamente validati a livello europeo e registrati presso il ministero della Salute, sono stati sottoposti a verifica per conoscere la reale affidabilita’.

In considerazione del fatto che nessun soggetto ha riferito di essere a conoscenza di aver avuto contatti con persone infette da meno di 15 giorni e’ lecito supporre che, nella maggioranza dei casi, i soggetti negativi non siano venuti a contatto con il virus, presupponendo che l’attivita’ anticorpale si manifesti 15 giorni dopo l’inizio della infezione.

Inoltre, in circa il 90 % dei soggetti l’infezione e’ occorsa negli ultimi 2 mesi, solo in un caso e’ stata riscontrata un’infezione risalente a oltre 80 giorni prima (seconda meta’ di gennaio) mentre in due casi si stima un’infezione occorsa da non oltre 15 giorni”.