Home Cronaca Cronaca Savona

Nato ieri a Cairo, morto oggi all’ospedale di Savona: chiesto esame autoptico

0
CONDIVIDI
Ospedale San Paolo di Savona (foto d'archivio)

Un neonato nato lunedì è morto oggi alle 12.40 all’ospedale S. Paolo di Savona dopo un peggioramento delle condizioni. Dalle 8 di oggi è stato trasferito nel reparto di Rianimazione dopo quattro arresti cardiocircolatori.

Lo hanno riferito i responsabili dell’Asl 2.

Il bimbo era venuto alla luce in casa a Cairo Montenotte il 15 febbraio alle 3.39 al termine di una gravidanza normale e con esami clinici negativi. Trasferito dai sanitari del 118 in ospedale è arrivato alle 5 in Neonatologia in buone condizioni, lievemente ipotermico e con un peso di 2,31 chili.

E’ stato chiesto l’esame autoptico.

Secondo quanto specificamente comunicato dai responsabili dell’Asl2, dopo l’arrivo in ospedale il neonato era stato posto nella termoculla e ha raggiunto rapidamente la temperatura adeguata.

Tenuto sotto costante controllo con parametri vitali e clinici sempre nella norma, viste le condizioni cliniche soddisfacenti e gli esami ematici normali, nel pomeriggio di ieri i sanitari hanno cominciato a lasciarlo con la madre durante il giorno, mentre alla sera di ritorno al nido venivano rilevati i parametri, sempre normali.

Anche il controllo della glicemia dava esiti sempre normali. Questa mattina all’ultima rilevazione di peso e parametri il bambino risultava in condizioni soddisfacenti, ed è stato quindi condotto alla mamma per la definitiva permanenza in stanza con lei.

Poco dopo le 8 la mamma ha riferito la comparsa di respiro alterato e quindi il neonato è stato ricondotto al nido e preso in carico dall’equipe medico infermieristica che rilevava parametri vitali normali.

Sono stati quindi eseguiti in successione esami del sangue, posizionamento accesso venoso e avvio di supporto respiratorio per il progressivo peggioramento delle condizioni generali.

Di seguito è stata avviata una doppia terapia antibiotica e rianimazione, fino alla necessità di intubazione e rianimazione cardiopolmonare. La rianimazione è poi proseguita in collaborazione con i medici del reparto di Rianimazione dell’ospedale S Paolo e quindi con gli operatori del Trasporto neonatale Gaslini.

Purtroppo il neonato, durante le manovre rianimatorie , ha presentato 4 episodi di arresto cardiorespiratorio e alle 12.40 i medici hanno constatato il decesso.

Gli operatori intervenuti e la direzione generale, hanno sottolineato dall’Asl2, si sono uniti al dolore della famiglia per il tristissimo evento.