Home Politica Politica Genova

Migranti in hotel, stop contributi regionali. Rete a Sinistra: scelta inutile e discriminatoria

0
CONDIVIDI
Migranti in hotel (foto di repertorio)

“Stamane durante la seduta della III Commissione consiliare il centrodestra ha presentato una proposta di legge, successivamente emendata, per escludere dai vantaggi le strutture ricettive che negli ultimi 3 anni non abbiano svolto un’attività a prevalenza turistica, in termini di fatturato. Ossia: si vogliono tagliare fuori quelle imprese che hanno firmato convenzioni col sistema SPRAR per l’accoglienza migranti”.

Lo ha dichiarato il capogruppo di Rete a Sinistra/Liberamente Liguria Gianni Pastorino.

Migranti in hotel, Lega: strutture liguri non riceveranno più contributi regionali

Migranti in hotel, stop contributi regionali. Pd: norma razzista e discriminatoria

“Una scelta pesante e oltretutto inutile – ha aggiunto Pastorino – visto che attualmente gli incentivi distribuiti in questo ambito sono pari a zero. Soprattutto alla Lega, interessava marcare il territorio ancora una volta, inserendo un criterio di differenziazione rispetto a quelle strutture che, legittimamente, in passato hanno aderito al sistema di accoglienza. Pare che su questi soggetti debba pesare il ‘marchio della colpa’.

Una norma già criticata dalle associazioni di categoria e che rischia di essere superata (da tempo, infatti, giaceva in commissione) rispetto alle novità introdotte dalla normativa Salvini.

Come sappiamo, il provvedimento del ministro dell’Interno ha totalmente depotenziato il sistema SPRAR. A nulla sono servite le ore di discussione per convincere i commissari consiliari di maggioranza sul fatto che questa norma appaia assolutamente discriminatoria. Come già avvenuto per altri testi poi dichiarati incostituzionali, come quelli sulla legittima difesa o sull’urbanistica religiosa.

Ancora più grave che la commissione abbia rifiutato la nostra proposta di avviare un ulteriore approfondimento tecnico-normativo, in raffronto alla legislazione nazionale. Come se il centrodestra dicesse: non ci interessa se la norma è addirittura superata dal decreto Salvini. A noi interessa soltanto la propaganda, attraverso un provvedimento non porterà assolutamente nulla alle strutture ricettive”.