Home Politica Politica Genova

Migranti in hotel, stop contributi regionali. Pd: norma razzista e discriminatoria

0
CONDIVIDI
Migranti in hotel (foto di repertorio)

“La proposta di legge della Lega sugli incentivi per le strutture turistiche, votata oggi in III Commissione regionale dal centrodestra, attraverso la quale si negano i contributi ad alberghi e pensioni che accolgono i migranti è palesemente discriminatoria, come hanno evidenziato anche le associazioni di categoria in audizione”.

Lo hanno dichiarato i consiglieri regionali del Pd.

Migranti in hotel, Lega: strutture liguri non riceveranno più contributi regionali

Migranti in hotel, stop contributi regionali. Rete a Sinistra: scelta inutile e discriminatoria

“La norma – hanno aggiunto – come si evince dall’analisi tecnico-normativa redatta dagli uffici legislativi del Consiglio regionale, presenta profili di incostituzionalità sia perché lesiva dei principi di concorrenza, sia perché contraria all’articolo 2 della Costituzione, che sancisce l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

È una norma di pura propaganda razzista, di cui la maggioranza si dovrebbe vergognare. Una legge che rappresenta uno dei punti più bassi raggiunti dalla produzione normativa regionale.

Il solo scopo di questa proposta è sollecitare gli istinti peggiori dell’elettorato, senza contare che questa legge non avrà alcuna efficacia (per fortuna). La Regione, infatti, non ha mai assegnato finanziamenti a fondo perduto per le strutture turistiche e non lo farà neppure adesso.

Inoltre, tale norma discriminatoria non riguarderà chi ha dovuto sottostare a provvedimenti coattivi e quindi non colpirà quelle strutture in cui la Prefettura ha inviato i migranti.

Gli unici che verrebbero esentati dai finanziamenti sono alberghi e pensioni che ospitano persone in arrivo dagli Sprar, che però il decreto Salvini ha deciso di cancellare nelle forme che abbiamo conosciute fino a oggi.

Ci batteremo in aula affinché una norma come questa non infanghi la dignità dell’aula consiliare regionale”.