Home Sport Sport Genova

L’affondo della scherma ligure: una giovane voltrese si impone nella sciabola

0
CONDIVIDI
Un incontro di Giada Galetti

Un ottimo risultato per gli atleti liguri nella disciplina della sciabola: Giada Galetti del Club Scherma Voltri, allenata dal maestro Tonhi Terenzi, conquista alla qualificazione per il campionato italiano, il secondo gradino del podio.

Abbiamo incontrato la giovane campionessa che ci ha raccontato della sua disciplina che riesce ad appassionare davvero molte persone.

Giada Galetti

Classe 2006, frequenta il liceo socio economico “Della Rovere” a Savona e si cimenta nella sciabola, specialità particolare della scherma che si distingue per la possibilità di colpire l’avversario sia di taglio, di controtaglio e di punta, inoltre è consentito toccare lo sfidante sia sulla testa che sul busto che sulle braccia, rendendo la scherma molto rapida e spettacolare.

Giada è allenata appunto da Tonhi Terenzi, un maestro che non ha davvero bisogno di presentazioni: campione olimpico di sciabola ha disputato gare per ben quattro volte sotto i cinque cerchi e portando a casa una serie di medaglie davvero importanti.

La giovane sciabolatrice ci presenta allora il suo sport e ci racconta del buon risultato ottenuto.

Giada Galetti

“Quest’anno mi sono qualificata nella categoria cadetti, ma andando avanti con le vittorie mi sono trovata ad incontrare atlete più grandi di me, appartenenti alla categoria superiore”, ci spiega “però ho cercato di affrontare la sfida con calma e provando a dare sempre il massimo”.

La giovane atleta ci illustra la sua tecnica per prepararsi agli incontri. Ci dice di non preoccuparsi mai troppo e cerca di mettere in pratica gli insegnamenti, sempre preziosi del suo maestro. Studia l’avversario per comprenderne i punti deboli e definire la strategia di attacco oppure di difesa.

Giada Galetti

La tecnica è fondamentale ma anche la mentalità è di basilare importanza se si vogliono ottenere dei risultati significativi. Giada, per trovare la giusta preparazione, nel momento di riscaldamento si concentra grazie agli esercizi di respirazione e prende un “tempo per sé”: “Prima della gara ascolto musica e mi tranquillizzo grazie a a questa, le canzoni mi preparano ad affrontare meglio la sfida, dandomi sia calma che determinazione”.

Chiediamo ora quale sia la specificità di questo sport così particolare, che abbia rapito la sua attenzione da subito. “Io amo gli sport individuali”, ci spiega, “dove se vinco il merito è tutto il mio ed anche se perdo non posso nascondermi dietro la squadra. La responsabilità è sempre la mia. Sulla pedana sono io davanti alla mia avversaria. Niente altro”.

Il Club Scherma Voltri, si allena presso i Capannoni Ex Ansaldo nella delegazione di ponente ed è presieduto da Otello Piccinini, con Luca Galetti quale vice presidente.

Giada Galetti

Il Club vanta una serie di ottimi risultati con i propri campioni: oltre a Giada possiamo citare un altro giovane che si sta distinguendo in questo sport, ovvero Salvatore Lazzaro classe 2005, che si sta mettendo in evidenza ed è spesso convocato in nazionale giovanile.

Come maestri accanto a Terenzi, troviamo alcuni nomi importanti della scherma internazionale ad allenare gli sciabolatori del ponente genovese: Marco Pistacchi referente mondiale degli arbitri ed istruttore della categoria “prime lame”, ovvero pre agonismo, nonché Emanuele Leonardi e Giuseppe Lazzaro entrambi istruttori, ma anche atleti di altissimo livello.

Giada partecipa ai campionati grazie al riconoscimento di status di “Studente Atleta” conferito dal Liceo “Della Rovere” di Savona che ha cercato quanto più possibile di supportarla ed agevolarla nel suo percorso sportivo.

Giada, silenziosa e riflessiva, è in grado di sfoderare una grinta ed una strategia uniche quando sale in pedana. Questa sua caratteristica è stata sintetizzata in un motto, che porta inciso su un braccialetto sempre presente al suo polso, una frase coniata da una cara amica di famiglia, oggi scomparsa: “Come sempre in silenzio scali le montagne”. Noi le auguriamo davvero di arrivare in vetta. Roberto Polleri (Foto di Club Scherma Voltri)