Home Spettacolo Spettacolo Genova

Il Teatro Nazionale di Genova ringrazia i suoi abbonati

0
CONDIVIDI
Il Teatro Nazionale di Genova ringrazia i suoi abbonati

#iononchiedoilrimborso: mille grazie

Ecco come il Teatro Nazionale di Genova ringrazia i propri abbonati per la solidarietà dimostrata: “Da quando abbiamo aderito alla campagna #iononchiedoilrimborso abbiamo ricevuto tantissimi messaggi di solidarietà tanto che ad oggi oltre mille abbonati hanno rinunciato al rimborso dei propri abbonamenti. Questo gesto così generoso mostra quanto forte e coinvolgente sia il legame col nostro pubblico. Il Teatro Nazionale di Genova porge un ringraziamento speciale a tutti voi rivolgendovi un ideale e caldo applauso. Per aderire alla campagna #iononchiedoilrimborso basta scrivere al Teatro Nazionale Genova (consultare il sito per le modalità) e segnalare la rinuncia al rimborso dei biglietti o ai tagliandi di abbonamento non utilizzati.”

Rimborso: nuove indicazioni e scadenze
Per gli spettacoli annullati tra il 1° marzo e il 3 maggio 2020 è stato possibile chiedere il rimborso inviando una mail entro il 30 aprile.

Chi ancora non lo avesse fatto potrà dal 1° al 16 maggio fare richiesta di rimborso direttamente sulla nuova piattaforma online VIVAforVoucher gestita da Vivaticket (partner di biglietteria del Teatro Nazionale di Genova). A questo link troverete una guida con tutti i passaggi per la creazione del voucher.

Per maggiori informazioni sulle modalità di richiesta/ emissione di voucher digitali potete visitare il sito di Vivaticket nella sezione rimborsi.
Se avete già inviato una mail non occorre fare altro. Tutte le email pervenute alla biglietteria riceveranno risposta nel più breve tempo possibile.

Per gli spettacoli in programmazione dopo il 3 maggio si rimanda ad un prossimo aggiornamento.

Per ulteriori informazioni sui consultare il sito dedicato.

#ritrovarci

Pillole di teatro online
È in arrivo un’altra settimana ricca di tanti nuovi contenuti degli amici artisti, ma non mancheranno le abituali rubriche come “Ci sarà una volta il teatro” curata da Marco Sciaccaluga, le storielle monovocaliche di Ugo Dighero e per i più piccoli gli appuntamenti con Giorgio Scaramuzzino e Elena Dragonetti.