Home Cultura Cultura Genova

Il Centro Antiviolenza Mascherona e la Coop Sociale Il Cerchio delle Relazioni

0
CONDIVIDI
Centro Antiviolenza Mascherona e Il Cerchio delle Relazioni

Il Centro Antiviolenza Mascherona è uno spazio in cui le donne possono riscrivere in autonomia il proprio progetto di vita

È un luogo in cui le donne che subiscono violenza trovano uno spazio di ascolto, condivisione e sostegno nelle loro scelte attraverso una relazione significativa di aiuto con operatrici professionalmente qualificate, tra le quali educatrici professionali, pedagogiste, psicologhe, avvocate. Ad ogni donna sono garantiti il rispetto della segretezza, della riservatezza e la gratuità dei servizi.

Il Centro si rivolge a donne con o senza figli indipendentemente dalla loro nazionalità, etnia, lingua, cultura, religione e situazione economica e a minori vittime di violenza assistita o subita.

Dati dal 1 Gennaio al 31 Ottobre 2019

Nei primi dieci mesi del 2019 si sono rivolte al Centro Antiviolenza 434 donne, registrando un leggero incremento rispetto all’anno precedente. Generalmente il primo contatto è telefonico. L’operatrice che risponde, se la donna può parlare liberamente, raccoglie la sua esperienza, rassicura l’interlocutrice sulla riservatezza della conversazione e cerca di stabilire con lei una comunicazione significativa, spiegando nel contempo cosa può offrire il Centro Antiviolenza. Dopo il primo contatto, l’82% delle donne ha deciso di intraprendere un percorso di fuoriuscita dalla violenza.

1° contatto
434
1° colloquio
356
Presa in carico
336

Per ogni donna presa in carico vengono effettuati più colloqui. I colloqui di sostegno sono uno spazio riservato in cui esprimere vissuti, raccontare l’esperienza e definire un percorso e una strategia per uscire dalla violenza. Il lavoro dell’operatrice consiste nell’offrire una consulenza specifica e competente sulla situazione portata da ogni singola donna, fornire informazioni, fare un’analisi della pericolosità della situazione, evidenziare alla donna i punti di forza che emergono dal suo stesso racconto, affiancarla nel percorso decisionale e protettivo. Oltre ai colloqui di sostegno, il Centro offre la possibilità di ricevere un aiuto psicologico, consulenze legali sia penali che civili, colloqui con minori vittime di violenza e colloqui di orientamento lavorativo. Nei primi dieci mesi del 2019 sono stati effettuati in totale 2.503 colloqui.

Colloqui di Sostegno
1113
Colloqui psicologici
483
Colloqui legali
730

(273 civili, 454 penali)
Colloqui con minori
90
Colloqui lavorativi
87
Totale
2.503

Da Gennaio a Ottobre 2019 sono stati attivati due Gruppi di Auto Aiuto che hanno coinvolto 16 donne. Lo scopo dei gruppi è permettere alle donne di affrontare situazioni problematiche comuni, agendo prevalentemente sulle capacità delle donne stesse.

La valutazione del Rischio di Recidiva

Le operatrici del Centro Antiviolenza Mascherona, grazie ai corsi di formazione, hanno acquisito e utilizzano il metodo S.A.R.A. acronimo di “Spousal Assault Risk Assessment”. Si tratta di una metodica messa a punto in Canada da un gruppo di esperti per individuare se e quanto un uomo, che ha agito violenza nei confronti della propria partner o ex partner, è a rischio nel breve o nel lungo termine di agire nuovamente violenza.

Nel corso dei primi dieci mesi del 2019, le operatrici hanno valutato un rischio di recidiva basso per 108 casi, medio per 76, elevato per 106 ed estremo per 66 casi.

La valutazione del rischio comporta a sua volta la gestione del rischio, cioè l’individuazione dell’intervento più appropriato per quel caso, per prevenire la recidiva, per proteggere le donne e i minori, per evitare l’escalation dei maltrattamenti che potrebbero sfociare anche in omicidio.

Il Codice Rosso

Il Codice Rosso, entrato in vigore l’8 agosto 2019, è la nuova legge nata con l’obiettivo di inasprire la disciplina penale della violenza domestica e di genere, cercando di rendere più agevoli e rapidi i processi in sede penale per accertare le conseguenti responsabilità. Da agosto a ottobre si sono rivolte al Centro Antiviolenza Mascherona 19 donne per le quali le Forze dell’Ordine hanno attivato il Codice Rosso.