Home Cronaca Cronaca La Spezia

Il bilancio della polizia stradale spezzina di fine estate

0
CONDIVIDI
Il bilancio della polizia stradale spezzina di fine estate

La visita del Questore agli Uffici delle Specialità spezzine della polizia è stata l’occasione per fare un bilancio sui risultati raggiunti nei servizi intensificati nei mesi estivi, che hanno richiesto il massimo sforzo operativo in relazione alla crescente presenza di turisti stranieri e villeggianti.

Dopo aver incontrato la Polizia Ferroviaria della Spezia e Sarzana, nei giorni scorsi è stata la volta della Sezione Polizia Stradale nella Caserma Saletti di via Nazario Sauro n°1.

Il Dirigente della Stradale, dott. Vittorino Pedone che in ultimo ha coordinato i servizi della Specialità nei 4 giorni del Giro della Lunigiana, ha illustrato le competenze del suo personale, da quello automontato e motomontato impegnato nei delicati servizi di specialità sul territorio, a quello di back office che si occupa di varie materie: dall’infortunistica, che vede l’impiego di tecnologie all’avanguardia che consentono la puntuale ricostruzione delle dinamiche incidentali, ai verbali, alla divulgazione dei progetti di legalità volti a diffondere la cultura della sicurezza stradale ai ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori della provincia.

Il Commissario ha descritto i risultati operativi raggiunti, spiegando che i suoi collaboratori nel 2019, tra l’altro, hanno controllato 269 autobus di cui 46 di nazionalità straniera, contestando 27 infrazioni inerenti la non corretta documentazione di viaggio. Di questi, molti i controlli preventivi ai bus impiegati per le gite scolastiche.

Hanno monitorato oltre 200 mezzi di trasporto di generi alimentari destinati alla nostra provincia e contestato 19 sanzioni, controllato altresì 2326 autoarticolati, di cui 110 con carichi di merci pericolose.

Complessivamente, la Polstrada ha elevato 2128 sanzioni al Codice della Strada, ritirato 99 patenti e 136 carte di circolazione, nonché sequestrato 178 veicoli, la maggior parte per mancanza della copertura assicurativa.

Tutto questo è stato possibile grazie all’impiego di ben 2043 pattuglie, che hanno coperto la tratta autostradale e la viabilità ordinaria della provincia.

Il Dirigente ha voluto poi sottolineare il servizio più impegnativo dal punto di vista professionale e umano svolto dai suoi agenti, quello che li ha visti impegnati a rilevare 280 incidenti stradali, di cui 2 mortali e 83 con feriti, procedendo all’arresto di un automobilista  che si era dato alla fuga dopo aver causato un incidente mortale .

La visita è terminata nell’affettuoso ricordo della cara collega Maria Teresa Marcocci della Sezione, caduta in servizio nel 2010, durante i rilievi di un sinistro strada.