Home Economia Economia Mondo

Grimaldi acquisisce navi Spagna-Isole Baleari e terminal a Valencia e Barcellona

0
CONDIVIDI
Grimaldi Lines (foto di repertorio)

Il Gruppo Grimaldi acquisirà da Armas Trasmediterránea Group cinque navi da utilizzare sulle tratte fra la Spagna continentale e le Isole Baleari e due terminal nei porti di Valencia e Barcellona più biglietterie, uffici e magazzini a Valencia, nelle isole di Maiorca, Minorca e Ibiza.

I vertici delle due compagnie di navigazione oggi hanno annunciato la firma di un accordo come primo passo della collaborazione che prevede appunto l’acquisto da parte di Grimaldi delle navi Ciudad de Palma, Ciudad de Granada, Ciudad de Mahón, Volcán del Teide e Volcán de Tijarafe, tutte attualmente impiegate da Armas Trasmediterránea Group su vari collegamenti all’interno della Spagna, accompagnata dall’acquisto dei diritti per operare fra la Spagna continentale e le isole Baleari per il trasporto di merci e passeggeri sulle rotte marittime andata e ritorno Barcellona-Mahon (Minorca), Barcellona – Palma de Mallorca, Barcellona – Ibiza, Valencia – Mahon, Valencia – Palma de Mallorca e Valencia – Ibiza.

I due terminal portuali per la movimentazione di merci rotabili e passeggeri che passeranno sotto le insegne di Grimaldi sono attualmente operati in regime di concessione da Armas Trasmediterránea Group.

Il prossimo passo è l’avvio della “due diligence” per arrivare a siglare l’accordo definitivo in tempo per l’inizio della stagione estiva.

“Per il nostro Gruppo non è un’uscita dalle rotte per le Baleari visto che continueremo a svolgere, in collaborazione con un gruppo armatoriale così importante sulla scena mondiale, un’ampia attività commerciale che ci permetterà di offrire ai nostri clienti una rete estesa di rotte marittime internazionali” ha dichiarato Antonio Armas, presidente di Armas Trasmediterránea Group.

“A conclusione di tale operazione il nostro gruppo estenderà la propria gamma di servizi marittimi anche al mercato interno spagnolo, generando nuove sinergie con gli altri collegamenti operati nel Mediterraneo occidentale” ha sottolineato Emanuele Grimaldi, amministratore delegato del Gruppo Grimaldi.