Home Cronaca Cronaca Imperia

Giornata Mondiale del Donatore, scesi in campo anche i poliziotti imperiesi

0
CONDIVIDI
Giornata Mondiale del Donatore, scesi in campo anche i poliziotti imperiesi

Oggi, 14 giugno l’Organizzazione mondiale della sanità celebra il World Blood Donor Day.

Donatorinati Liguria della Polizia di Stato, con i suoi volontari e lo staff della FIDAS, ha organizzato una raccolta straordinaria di sangue intero tra i poliziotti imperiesi presso la Questura di Imperia.

L’organizzazione di volontariato Donatorinati Liguria continua il suo impegno per sensibilizzare i poliziotti ed i cittadini tutti alla donazione.

“Dona il sangue salva una vita”: è questo lo slogan e l’obiettivo in occasione di questa raccolta straordinaria.

“Il sangue è un’esigenza quotidiana – afferma il suo Presidente Stefano Cavalleri – che diventa tragica ogni volta che manca, non solo in caso di eventi eccezionali, ma anche e soprattutto nella gestione ordinaria dell’attività sanitaria: nell’esecuzione di vari interventi chirurgici, nei servizi di primo soccorso, nelle terapie oncologiche contro tumori e leucemie. Il sangue e i suoi componenti sono quindi presidi terapeutici indispensabili per la vita e, purtroppo, non sono riproducibili in laboratorio. Ciò significa che non esistono, ad oggi, alternative possibili alla volontaria donazione e se vogliamo una Sanità capace di prendersi cura di noi, non possiamo far appello solo sulla scienza e sulla medicina, ma dobbiamo dare il nostro contributo. Ecco perché lo slogan chi dona il sangue salva una vita. Voglio ringraziare in primis i tanti colleghi che oggi sono qui in coda per donare il loro sangue e salvare delle vite, poi il Questore della Provincia di Imperia, dott. Capocasa, che si dimostra sempre disponibile alle nostre iniziative e non ultimo lo staff della Fidas imperiese, tra cui la Dottoressa Durante”.

“La donazione del sangue è un gesto generoso e altruistico. Il nostro obiettivo è quello di essere vicino e al servizio dei cittadini e la donazione ritengo possa essere la più grande sublimazione della nostra mission”.