Home Economia Economia Genova

Formazione, Regione Liguria stabilizza 33 precari. Cisl: risultato di lunghe trattative

0
CONDIVIDI
Cisl Funzione pubblica (foto di repertorio)

Venerdì scorso è stato il primo giorno di lavoro a tempo indeterminato per lavoratrici e lavoratori precari del settore formazione lavoro e diritto allo studio dell’Agenzia Alfa e dei centri per l’impiego liguri.

Lo hanno riferito oggi i responsabili del sindacato Cisl Fp Liguria.

“A beneficiarne – hanno aggiunto i sindacalisti – sono stati i primi 12 dipendenti di Alfa (l’agenzia regionale per il lavoro, la formazione e l’accreditamento) e 7 precari dei centri per l’impiego di La Spezia e Imperia, più 14 idonei di graduatorie della Città Metropolitana di Genova.

Ai restanti 38 lavoratori di Alfa verrà prorogato il contratto a tempo determinato fino alla stabilizzazione. Il percorso continuerà nel 2019 e si concluderà entro il 2020.

La stabilizzazione dei contratti è frutto di un accordo fra le organizzazioni sindacali del pubblico impiego con la Regione Liguria e l’Ente Strumentale della Regione Alfa.

Nel corso dell’incontro in Regione con l’assessore Berrino sono state inoltre confermate 68 assunzioni a tempo determinato per i centri per l’impiego liguri, già oggetto di accordo nel mese di luglio 2018 e nei tavoli tecnici, da realizzarsi entro il mese di gennaio 2019. Per i restanti 30 della graduatoria i contratti dovrebbero partire entro settembre 2019.

Dopo anni di trattative nazionali e locali, rallentate anche da una riforma statale che stentava a decollare, finalmente si può ripartire e i centri per l’impiego liguri ricevono oggi quella boccata d’ossigeno che permetterà di guardare alle nuove sfide con un pizzico di ottimismo in più. Sicuramente ci sono le premesse per una migliore erogazione dei servizi, per la qualità del lavoro dei dipendenti e un riconoscimento delle professionalità che ci sono e che potranno essere sempre di più sviluppate.

La Cisl Funzione Pubblica ha inoltre apprezzato il fatto che la Regione abbia confermato la decisione di gestire direttamente i Centri per l’impiego, come avevamo  richiesto più di un anno fa all’atto di passaggio del servizio dalle province e Città Metropolitana.

Ci verrebbe da dire ‘meglio tardi che mai’, ma in fondo siamo ancora nel periodo di Natale e vogliamo sottolineare il positivo che c’è. Il percorso è ancora lungo e la Cisl Fp continuerà nel suo lavoro di mediazione e confronto continuo, con Regione e Alfa, e di tutela dei lavoratori. Un lavoro lungo e forse non eclatante, ma che raccoglie i frutti che oggi vediamo”.