Home Politica Politica Genova

Disastro autostrade in Liguria? Salvatore: no Gronda, usare soltanto il treno

0
CONDIVIDI
Premier Giuseppe Conte e capogruppo regionale Alice Salvatore (foto di repertorio fb)

“Oggi doveva esserci consiglio regionale, ma
oltre un’ora dopo l’orario tutto è fermo, addirittura ci hanno
invitato ad andare nei nostri uffici. E poi, nonostante il presidente
del consiglio Alessandro Piana fosse arrivato, il consiglio è stato sconvocato”.

Lo ha dichiarato oggi la capogruppo regionale Alice Salvatore (ilBuonsenso).

“Che cosa – ha aggiunto Salvatore – è successo? Che cosa impedisce l’inizio e apertura dei lavori
dell’aula del consiglio regionale della Liguria? E poi addirittura la
‘sconvocazione’ nonostante i lavori d’aula dovessero andare avanti fino alle 15?

È molto semplice. Ci sono tutta una serie di imbottigliamenti di
traffico, nella rete autostradale di accesso e uscita da Genova che
impediscono alle auto di arrivare, ma chi sono le persone imbottigliate
nel traffico tra gli altri? I consiglieri regionali.

Sono giorni che la rete autostradale intorno a Genova è tutta bloccata
perché è pieno di cantieri ed è stato chiuso tutto per fare i lavori
nelle gallerie di messa in sicurezza, questi lavori si sono iniziati dopo
che è finito è il lockdown, quindi da quando le persone finalmente
hanno potuto cominciare a riprendere a muoversi e non nei due mesi in
cui nessuno poteva spostarsi, lo fanno ora.

Fanno i lavori quando sanno perfettamente che c’è la maggiore richiesta e la maggiore
esigenza di potersi spostare.

I lavori di manutenzione e di messa in sicurezza che non hanno mai
fatto, motivo per cui bisognerebbe revocare subito le concessioni
autostradali, perché non stanno garantendo non stanno mantenendo nulla
di quello che è dovuto alla cittadinanza.

Come si comportano gli amministratori pubblici regionali in Liguria?
Non pensano a utilizzare il mezzo pubblico per eccellenza per venire
al consiglio regionale e per garantire la propria presenza in tempo: il treno.

Chi è nelle istituzioni deve dare l’esempio corretto, e
quindi non bisogna creare nuovo traffico privato, ma usare i mezzi
pubblici, come il treno, come fanno migliaia di cittadini liguri ogni giorno.

Siamo di fronte a una doppia situazione. I signori delle autostrade
che sembra facciano quasi apposta a creare problemi alla viabilità, e
dall’altra esponenti pubblici che non hanno la minima idea di muoversi
come tutti i cittadini normali: mezzi pubblici, e un minimo di
pianificazione e organizzazione in più.

Vogliamo diminuire il traffico privato e poi proprio i consiglieri
regionali vanno in auto privata?

Questa situazione di caos è molto ben vista da una maggioranza che
continua così a non rispondere ai cittadini.

La settimana scorsa, il governatore Toti era in Tv e l’assessore Viale non si sa, questa settimana
guarda caso si rinvia un consiglio che si poteva benissimo tenere nel
pomeriggio.

Fanno ridere le frasi ‘indignate’ della Lega quando poi
vogliono far fare la Gronda proprio a chi oggi sta soffocando i liguri
in code infinite.

Questo è il governo regionale delle emergenze, più ce ne sono e meglio
stanno.

Ci vuole un po’ di chiarezza. Basta farsi ‘ricattare’ dai Benetton,
revoca subito e che i rappresentati delle istituzioni diano finalmente
il buon esempio a tutti usando i mezzi pubblici”.