Home Sport Sport Genova

Disagi traffico, Regione e Comune: fate giocare Samp-Fiorentina di sera

0
CONDIVIDI
Sampdoriani: presidente Alessandro Piana e consigliera Francesca Corso

“Considerando le difficoltà che sta incontrando la città di Genova nel gestire il forte traffico a seguito della tragedia del Ponte Morandi, credo sia doveroso che il Comune solleciti la Lega Calcio al fine di chiedere un ulteriore posticipo della partita Sampdoria-Fiorentina, al momento programmata per mercoledì 19 alle ore 17.

Si tratta di un orario insostenibile, non solo per il quartiere di Marassi, ma con possibili ripercussioni su tutto il traffico cittadino, in quanto il notevole flusso di spettatori si sommerebbe al già alto numero di persone che escono dagli uffici.

Lo ha dichiarato stamane Francesca Corso, consigliera della Lega e presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Genova.

“L’orario scelto dalla Lega Calcio, legato ai diritti televisivi – ha aggiunto Corso – non viene incontro alle reali esigenze della città. Inoltre, proprio in quei giorni il traffico sarà ulteriormente bloccato a causa dell’allestimento per il Salone Nautico. Credo che, per una semplice questione legata al buon senso, e lo dico da tifosa sampdoriana, la Lega Calcio dovrebbe valutare lo spostamento in altra data, che non vada a collimare, né con il Salone Nautico, né con altri eventi che possano causare ulteriori problemi alla città, in un momento così complicato per il nostro comune”.

Oggi il presidente (sampdoriano) del consiglio regionale, Alessandro Piana, ha quindi messo in votazione un  ordine del giorno “fuori sacco” firmato dai capigruppo regionali che è stato votato all’unanimità dall’Assemblea Legislativa della Liguria e ha quindi impegnato la giunta Toti “ad attivarsi per chiedere di spostare la partita del Campionato di Serie A Sampdoria-Fiorentina, inizialmente prevista alle ore17 del 19 settembre, alle 20.45 o, se ciò non fosse possibile, di rinviare l’incontro ad altra data per non aggiungere ulteriori disagi a quelli, già pesantissimi, della viabilità cittadina genovese”.