Home Politica Politica Genova

Caos autostrade, Toti: Aspi e Mit si mettano un po’ d’accordo su nuovo piano lavori

0
CONDIVIDI
Cantieri infiniti, blocchi e forti disagi a Genova e sulle autostrade liguri (foto d'archivio)

“Ogni giorno continuano a verificarsi seri disagi sulla rete autostradale ligure. Come istituzioni stiamo continuando a ribadire in modo compatto che non si può barattare la sicurezza con la sopravvivenza di un territorio, né si può pensare di recuperare 20 anni di incuria, imperizia e ritardi in poche settimane, provocando un danno certo alla Liguria che sta ripartendo lentamente in tutte le sue attività legate al porto, al turismo e agli altri settori strategici”.

Lo ha dichiarato ieri sera il governatore ligure Giovanni Toti.

“Non è accettabile il rimpallo di responsabilità tra il Mit e Aspi – ha spiegato Toti –  che sono i nostri interlocutori, su un piano che a oggi è inapplicabile senza un gigantesco danno per nostra comunità.

I nostri interlocutori sono Aspi e il ministero delle Infrastrutture e Trasporti: né Regione né il Comune né tantomeno la Camera di Commercio hanno titolo su un programma di lavori, che non possiamo accettare perché mette in seria difficoltà tutto il territorio e, nel mettere in sicurezza le gallerie, rende più insicure le nostre autostrade con una serie infinita di cantieri.

Abbiamo ribadito che per noi resta valido il piano che prevede la fine dei cantieri nel mese di giugno con l’apertura di doppie corsie per senso di marcia su tutte le tratta a partire da luglio, per un parziale ritorno alla normalità.

Per questo abbiamo chiesto ad Autostrade che i cantieri di verifica, per lo smontaggio delle onduline, siano spalmati nel tempo ed effettuati solo di notte con la riapertura dei tratti al mattino, sotto la vigilanza del Mit.

Ci aspettiamo nelle prossime ore che il piano sia ridefinito dal Mit e dalla concessionaria e quindi applicato.

Per quanto ci riguarda, null’altro sarebbe tollerabile.

Il piano di messa in sicurezza non può penalizzare oltre una regione che è già stata penalizzata dalla tragedia del crollo del Ponte Morandi, con tutto il dolore e i disagi che ha determinato.

Da presidente di Regione non mi interessano le responsabilità precedenti: saranno altri soggetti ad accertare ritardi e mancanze.

Oggi mi interessa trovare soluzioni.

Dopo un lungo e franco confronto, il piano che abbiamo abbozzato oggi è l’unico accettabile, considerato i molti danni che i disagi hanno già provocato al nostro territorio.

Ci aspettiamo che venga definito dal ministero e dal concessionario entro le prossime ore. Altrimenti siamo pronti a tutelare la nostra regione in ogni sede e con ogni mezzo possibile”.