Home Consumatori Consumatori Savona

Cairo Montenotte, ospedale incrementa azioni urgenti per combattere Covid-19

0
CONDIVIDI
Ospedale Cairo Montenotte (foto d'archivio)

“Data la situazione contingente e la grave emergenza che sta mettendo a dura prova tutte le strutture aziendali, il Commissario straordinario di Asl 2 Paolo Cavagnaro, in condivisione con l’Assessorato alla Sanità e la Direzione di Alisa, sentito il Collegio di Direzione, ha stabilito la chiusura temporanea dei reparti di degenza e del Punto di primo intervento (PPI) dell’ospedale di Cairo Montenotte, a partire da venerdì 20 marzo alle ore 14”.

Lo hanno riferito ieri i responsabili di Alisa.

“Questa misura urgente e di emergenza – hanno spiegato – risulta necessaria per evitare il potenziale accesso di pazienti Covid-19 positivi al PPI e per impiegare i professionisti sanitari nello svolgimento di attività di cura presso altri presidi ospedalieri deputati al ricovero di pazienti Covid-19.

I pazienti ricoverati nei reparti saranno trasferiti all’ospedale di Pietra Ligure, se non ritenuti in condizione di dimissibilità.

Resta attivo il servizio di dialisi, per il quale è previsto apposito percorso di protezione a garanzia della sicurezza dei pazienti e degli operatori, e l’ambulatorio SerD.

Le attività di diagnostica radiologica e di laboratorio rimarranno aperte con attività ridotta a due giorni la settimana, su prenotazione diretta da parte dei medici di famiglia per le prestazioni urgenti.

Sono garantiti il servizio di Guardia medica e quello dell’automedica in grado di intervenire sui casi di emergenza nel territorio valbormidese, in stretta collaborazione tra il servizio del 118 e le pubbliche assistenze presenti sul territorio.

L’azienda è costantemente impegnata nell’attuazione di tutte le possibili procedure per l’acquisizione di personale medico-infermieristico e sanitario e sui molteplici altri fronti relativi all’emergenza Covid, sui quali verrà dato a breve aggiornamento”.

“L’auspicio di tutti noi è quello di superare al più presto questo stato di emergenza – ha affermato Paolo Cavagnaro, commissario straordinario di Asl 2 –  ringrazio tutti i dipendenti e i collaboratori che stanno lavorando, ormai da oltre un mese, con la massima compostezza e impegno, senza limiti di tempo e con la massima professionalità”.