Home Cronaca Cronaca Genova

Burocrazia e frana Capolungo: potrà rientrare solo famiglia del giudice, le altre no

0
CONDIVIDI

Alla paurosa frana di Capolungo che il 19 gennaio del 2014 costrinse gli abitanti di cinque casette di lusso affacciate sul mare a lasciare la propria casa, nel tempo sono seguiti diversi contensiosi, ricorsi e contro ricorsi. Oggi, a sorpresa, è stata annunciata una svolta sull’annosa querelle.

La casa più a ponente, abitata dal giudice Luigi Costanzo e dalla moglie, dopo l’ultimo sopralluogo svolto lo scorso 29 dicembre dai tecnici del Comune di Genova su richiesta della famiglia del magistrato in quiescenza risulterebbe in sicurezza e quindi può tornare ad essere abitata. Le altre no.

Per permettere ai coniugi di tornare a casa manca solo l’ordinanza di revoca dello sgombero, che in sostanza è una formalità.

Tempi decisamente più lunghi, invece, per il rientro delle altre quattro famiglie di un avvocato, una psicologa, un docente scolastico, un imprenditore.

La frana di Capolungo è uno degli smottamenti più importanti avvenuti a Genova negli ultimi anni, circa 7mila metri cubi di terra e roccia crollati in mare.

Nervi e Prelo: sfollati di serie A e B

Capolungo, anche il Comune contro i giudici

Frana Capolungo, la Regione valuta ricorso