Home Spettacolo Spettacolo La Spezia

Al via il Lerici Baroque Festival

0
CONDIVIDI
Al via il Lerici Baroque Festival
Al via il Lerici Baroque Festival

Al via il Lerici Baroque Festival. 21, 22, 23 aprile, ore 20.00 tra Hotel Shelley, Castello di Lerici e Villa Marigola.

Al via il Lerici Baroque Festival con repertorio musicale rinascimentale e barocco.

In attesa della nuova edizione del Lerici Music Festival, kermesse musicale internazionale nata dall’idea del Maestro Gianluca Marcianò con obiettivo di promuovere la musica e la vocazione culturale del Golfo dei Poeti, Lerici ospiterà nei giorni 21, 22 e 23 aprile una nuova esperienza musicale ed artistica che strizza l’occhio al repertorio musicale rinascimentale e barocco.

Rispettivamente l’Hotel Shelley, il Castello di Lerici e Villa Marigola diverranno in quei giorni suggestiva cornice per tre serate dedicate a celebri pagine della musica sacra e profana composta tra Italia e Inghilterra nel XVI, XVII e XVIII secolo.

Brani di autori tra cui Corelli, Vivaldi, Marenzio, Lasso, Cavalli, Purcell e Händel saranno proposti, infatti, da interpreti come l’Ensemble Barocco del Conservatorio G. Puccini di La Spezia e il Vache Baroque Festival.

Al via il Lerici Baroque Festival
Al via il Lerici Baroque Festival

«Fin dalla nascita del Lerici Music Festival, il mio obiettivo è sempre stato quello di proporre eventi musicali che, anche al di fuori della stagione estiva, contribuissero a rendere Lerici un centro di turismo culturale tutto l’anno.

Grazie al supporto della neonata Fondazione Lerici Cultura, oggi questo è possibile.

Questa prima edizione del Lerici Baroque Festival nasce dalla collaborazione con Il Vache Baroque Festival, realtà che sta riscuotendo grande successo nel Regno Unito.

Celebreremo quindi insieme la musica antica britannica e quella italiana, espressione di due culture che proprio a Lerici si sono incontrate ed amate nei secoli. E tengo a ringraziare anche il Conservatorio Puccini di La Spezia per la collaborazione in questo nuovo progetto». Queste le parole con cui il direttore artistico del LMF, Gianluca Marcianò descrive la nuova intrapresa dedicata all’early music.