Home Cultura Cultura Savona

Al Circolo degli Artisti Pozzo Garitta di Albissola Marina, Ennio Godani

0
CONDIVIDI
Al Circolo degli Artisti Pozzo Garitta di Albissola Marina, Ennio Godani
Al Circolo degli Artisti Pozzo Garitta di Albissola Marina, Ennio Godani

Al Circolo degli Artisti Pozzo Garitta di Albissola Marina, Ennio Godani, la sua personale sarà visibile da sabato 1 ottobre i nostri spazi

Al Circolo degli Artisti Pozzo Garitta di Albissola Marina, Ennio Godani, nato nel 1950, effettua gli studi al Liceo Artistico di Savona.

Si diploma nel 1968 e dal 1972 è prima Assistente e poi Docente nella cattedra di Discipline pittoriche nello stesso Liceo.

L’interesse per il teatro lo porta a seguire il Corso di Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Brera – Milano. Nel 1973 firma scene e costumi per “Aulularia” di Plauto, messa in scena al

Teatro “Milanollo” di Savigliano. Conosciuto inizialmente per le “Uova” e i “Menhir” posti su lastricati e paesaggi sconvolgenti, passa poi ad una pittura astratta dove lìnee, punti e colori si

inseguono sulla tela.

Partecipa a collettive e personali alla Galleria “La Fontana” di Savona.

Nel 1976 è presente alla collettiva “II 30×30” allo Studio Rotelli di Finalborgo.

Successivamente si accosta alla decorazione su ceramica e crea manufatti e piatti (suoi quelli in majolica delle “Serate gastronomiche Fornacine”).

Nel 1977 decora numerosi piatti con Eliseo Salino per la Festa provinciale de l’Avanti di Savona.

Nell’estate del 1978 e 1979, sotto il Patrocinio dell’Associazione Culturale A.I.C.S, propone le sue ceramiche nello spazio espositivo “Il Piatto” a Noli.

Ritorna all’antico amore per il teatro e nel 1980 crea con altri artisti, i bozzetti per le maschere de “Le Streghe” portate in scena nel Piazzale del Priamàr di Savona con scenografie di Eliseo Salino

e regia di Renzo Aiolfi.

Si dedica anche alla grafica pubblicitaria per marchi e manifesti.

Dal 2009 al 2015 è Art Director della Rivista Enogastronomica “Forchettiamo”.

Dal 2014 è Docente di Disegno, pittura e decorazione su ceramica all’Unitre di Borgio e di Pietra Ligure. Nel 2017 dona all’ambulatorio oncologico dell’Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure alcune sue opere.

Nel 2019 inventa “Padelle d’Arte da Rubare” depositandone il marchio. La manifestazione riscontra molto successo e attenzione da parte del pubblico e della critica locale; l’evento viene ripreso e mandato in onda su Rai3 Liguria.

Nel Luglio 2019 espone le sue tele e alcune ceramiche nello Spazio Arte DOC per la Mostra “En plein Air”dove presenta al pubblico le “Diablesse” e gli “Ex Voto”.

Sempre nel 2019 scrive la sceneggiatura della “pièce” comica “La Doppia Verità” e ne cura anche il progetto scenografico.

Durante la sua attività di Docente di scenografia, pittura e decoro all’Unitre, reinterpreta nel suo studio ” I Tarocchi” e icone dipinte su tela e tavola.

Una sua “Virgo Carbutae” è posta sulla strada provinciale 43 di Calice ligure, in frazione Carbuta, (visibile su Google maps).

Nel luglio del 2021 crea una “Padella d’Arte” per Anna Mazzamauro, consegnatale durante la rassegna teatrale di Borgio Verezzi.

Il 5 agosto 2021 viene proiettata sulla facciata della Chiesa Parrocchiale delle Fornaci di Savona la “Madonna della Neve”, patrona del borgo marinaro.

Dal dicembre 2021 la sua “Notre Dame de la chance” viene posta su tavola e illuminata nottempo, sulla provinciale 46 di Calice Ligure in località Eze.dove l’artista risiede (v.Google maps).

Il maestro Godani partecipa alla rassegna “Rigorosamente 20×20” a Pozzo Garitta di Albissola Mare.

Durante l’anno scolastico 2021-2022 stringe una collaborazione con una docente di sostegno dell’Istituto Comprensivo C. Colombo di Savona con i bambini della primaria e cura la parte artistica e tecnica del Progetto “Van Gogh visto dai bambini”.

A aprile 2022 le opere dei mini artisti vengono esposte all’interno della Faggeta della Barbottina in occasione della Giornata ecologica sulle foreste e a Giugno 2022 affisse all’interno dei resti antichi della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo in occasione della manifestazione sulla Pace “fiori e spighe di grano”, con grande successo e stupore da parte delle maestre e delle famiglie dei piccoli allievi.

A maggio 2022 le sue “Padelle” sono esposte nella rassegna “Verezzi in fiore” e nel giugno è presente alla seconda edizione di “Padelle d’Arte da Rubare” da lui ideata.

Nel luglio 2022 crea una Padella per Katia Ricciarelli in occasione del Festival teatrale di Borgio Verezzi.

Nell’agosto 2022 espone alcune sue “Madonne” provocatorie nel “Gazebo della Madonna” a Savona in località Fornaci .Interessanti anche i dipinti erotici del “Cabinet Secret” che ogni artista del tempo passato ha nel suo portfolio.