Home Politica Politica Genova

Sondaggio Swg: e il “partito” di Toti va al 7% “con ampi margini di crescita”

0
CONDIVIDI

 

GENOVA 18 GIU Totti (Francesco) si smarca dalla “sua” Roma…Toti (Giovanni) Governatore della Liguria (già berlusconiano di lunga data) dribbla Berlusconi e va avanti per la “sua” strada con curva a destra. Nel centrodestra infatti c’è spazio per una nuova forza politica di ispirazione liberale e rivolta all’elettorato moderato.

Lo attesta un sondaggio riservato realizzato dalla Swg, di cui l’Adnkronos è entrata in possesso, che mette naso e dati sulle potenzialità di un soggetto politico autonomo guidato da Toti stesso, il cui approdo è un’alleanza di fatto con la Lega. Salvini non può (immaginiamo) che gongolare.

Il feeling tra Toti e Matteo Salvini si può quindi rafforzare sulla base del consenso popolare. Il leader leghista in visita a Recco si è lasciato “sfuggire” una frase che la dice lunga sull’obiettivo del governatore ligure: “Toti lo sentirò sicuramente, ma non vado alle iniziative di altri partiti” – aveva detto il leader leghista e “uomo forte” del Governo Conte correggendo il tiro subito dopo. “Con tutto il rispetto, non è ancora un partito, ma lui è un governatore di Forza Italia e io non vado alle iniziative di Forza Italia, vado a quelle della Lega”. Insomma, in politichese, “Giovanni! Le porte del Carroccio sono spalancate”.

La rilevazione accredita questo nuovo soggetto politico di un 7% e con “ampi margini di crescita”, se supportato da un’adeguata campagna di informazione e comunicazione presso l’elettorato. Il sondaggio rafforza le convinzioni del Presidente della Regione Liguria in vista di “Italia in crescita”, l’assemblea voluta da Toti e convocata il 6 luglio a Roma al Teatro Brancaccio il cui obiettivo è offrire un’alternativa per il rilancio dei progetti e delle politiche del centrodestra. E, in qualche modo il sondaggio, sdogana Toti come leader politico nel centrodestra postberlusconiana.

Berlusconi corre ai ripari e gioca in contropiede lanciando una federazione del centrodestra. Chi è molto vicino al Cavaliere di Arcore tornato alla carica sul campo ripartendo da Strasburgo è pronto a giurare che non significa assolutamente “liquidare” Forza Italia ma “per chiudere da vincitore non esistono soluzioni diverse da trovare se non un accordo con la Lega”. Un punto che si sposa proprio con l’insofferenza di Berlusconi per Giovanni Toti. Il rapporto umano, tra i due, infatti sembra ormai compromesso e l’obiettivo è quello di guadagnare terreno sul Governatore di Piazza De Ferrari nella partita che lo vede sempre più vicino a Matteo Salvini e Giorgia Meloni, mentre Toti guadagna sempre più consenso dentro e fuori dal gruppo “azzurro”

Il governatore ligure si ‘piazza’ al terzo posto nell’indice di fiducia degli elettori. Dopo Salvini, che raccoglie il 41% del consenso, e Meloni al 24%, arriva Toti che con il 20% del gradimento, prevale su Antonio Tajani (17%) e sul presidente di Fi, Silvio Berlusconi, che si ferma al 15%. L’area moderata, però, è marcata anche da un esponente del centrosinistra: ben il 24% infatti riconosce la leadership a Carlo Calenda, Europarlamentare del Pd e inventore di “Siamo europei”.

Marcello Di Meglio