Home Cultura Cultura Genova

Sestri Levante contro la violenza di genere

0
CONDIVIDI
Sestri Levante contro la violenza di genere
Sestri Levante contro la violenza di genere

Sestri Levante contro la violenza di genere. Il numero antiviolenza 1522 sugli scontrini e le buste della spesa.

Sestri Levante contro la violenza di genere. Approvata in Consiglio la nuova mozione della maggioranza..

Anche il Comune di Sestri Levante aderisce alla campagna contro la violenza di genere, coinvolgendo gli esercizi commerciali del territorio.

Campagna lanciata in primo luogo da Coop a livello nazionale.

In occasione del mese dedicato al contrasto alla violenza e alle discriminazioni di genere, i gruppi di maggioranza hanno infatti presentato una nuova mozione relativa al lancio di una campagna di sensibilizzazione che introdurrà sugli scontrini commerciali e sulle buste la dicitura:

“Se sei vittima di stalking o violenza chiama il 1522”, approvata durante l’ultima seduta di Consiglio comunale tenutasi lunedì 29 novembre.

La mozione relativa a una campagna già attiva in altre regioni italiane tra cui Emilia-Romagna e Lombardia, si muove a livello locale a 360° proponendo di aggiungere la frase sopra indicata non solo sugli scontrini fiscali, ma anche sulle buste e bustine utilizzate per fare acquisti e su tutti i canali di comunicazione a disposizione dell’ente (sito istituzionale, social media, pannelli stradali).

L’intento è quello di sottolineare la possibilità di ricorrere al numero di emergenza attivo 24h su 24 a livello nazionale per sfuggire da situazioni di violenza.

Il 1522, infatti, è un numero gratuito di pubblica utilità attivato nel 2006 da parte del Dipartimento per le Pari Opportunità per fornire alle donne vittime di stalking e abusi di diversa natura uno strumento di supporto che, in contatto diretto con le forze dell’ordine, in casi di emergenza predispone il pronto intervento delle stesse.

Ad essere coinvolte sono le attività commerciali e artigianali attive sulla totalità del territorio comunale, tra cui le farmacie coinvolte per i tamponi e il piano vaccinale, i panifici, i supermercati e gli alimentari, le grandi catene di distribuzione in modo che l’invito a contattare il 1522 in caso di necessità sia stampato ed accessibile a chiunque.