Home Cronaca Cronaca Genova

Sequestrati pesci e strani molluschi, nei guai anche noto commerciante del Tigullio

0
CONDIVIDI

L’operazione ‘Mercato Globale’ condotta dalla Capitaneria di Porto

Sono cinque gli esemplari di tonno catturati illegalmente, decine di granchi cinesi, molluschi asiatici e oloturie di cui è vietata la vendita in Italia, pesci e molluschi gasteropodi sconosciuti per oltre 200 kg e infine 800 kg di branzini sono stati sequestrati ad alcuni grossisti e commercianti tra Milano e Santa Margherita Ligure nell’ambito dell’operazione ‘Mercato Globale’ condotta dalla Capitaneria di Porto ed in tutta Italia dalle capitanerie di porto locali.

Sequestrati pesci e strani molluschi, nei guai anche noto commerciante del Tigullio

In tutto sono state elevate sanzioni per quasi 20 mila euro. Tra i prodotti ittici sequestrati anche diversi chili di un mollusco non identificato di dubbia provenienza e senza certificazione. Gli 800 kg di branzini sono stati sequestrati nel Tigullio a un noto commerciante che è stato accusato di frode in commercio: aveva posticipato la data di cattura per poter spacciare il prodotto come appena catturato.

L’operazione complessa ‘Mercato Globale’, partita a fine novembre e tuttora in corso, vede impegnati oltre 5mila uomini e donne della Guardia Costiera in una serie di controlli lungo l’intera filiera ittica, dal mare agli esercizi commerciali, fino alla tavola dei consumatori.

Sequestrati pesci e strani molluschi, nei guai anche noto commerciante del Tigullio

Nel periodo in cui è massima la commercializzazione di prodotti originati dall’attività di pesca e a completamento delle molte attività condotte dai militari del Corpo delle Capitanerie di porto durante tutto l’arco dell’anno, l’operazione garantisce che sulle tavole degli italiani non arrivino prodotti inidonei al consumo e pertanto potenzialmente pericolosi per la salute umana.

Con un’azione coordinata di tutti i Comandi Territoriali e con l’impiego congiunto di mezzi aeronavali, tra i quali anche Nave Gregoretti CP920 – un’unità alturiera specializzata nel controllo dell’attività di pesca -, ad oggi sono state compiute oltre 13mila verifiche, sequestrate circa 80 tonnellate di prodotto ittico non conforme, effettuati oltre 600 sequestri (di cui 355 attrezzi da pesca), ed elevate sanzioni per un importo superiore a 1,3 milioni di euro. Gli accertamenti sulla filiera ittica, oltre che in mare, sono stati condotti presso i grossisti (330 verifiche), presso la grande distribuzione (574 verifiche), come pure sui piccoli esercizi commerciali (4.454 verifiche a ristoranti, pescherie, mercati ittici).

Sequestrati pesci e strani molluschi, nei guai anche noto commerciante del Tigullio

Questi gli obiettivi prefissati dall’attività posta in essere:

verificare la correttezza delle attività commerciali che operano all’ingrosso e al dettaglio, al fine di tutelare il prodotto ittico nazionale (Made in Italy);

tutelare il consumatore finale verificando che il prodotto ittico sia conforme ai requisiti di legge per quanto attiene alla tracciabilità e all’etichettatura, in contrasto al fenomeno della contraffazione delle etichette;

garantire l’osservanza delle leggi sulla pesca, nell’intento di favorire un’attività di cattura ecosostenibile, nel rispetto degli stock ittici e dell’ecosistema marino e costiero.

Sequestrati pesci e strani molluschi, nei guai anche noto commerciante del Tigullio

Se ai risultati sopra evidenziati, inoltre, si sommano anche quelli riferiti a tutto il 2019, i livelli si attestano ad oltre 110mila verifiche, con ispezioni approfondite sia in mare che lungo la filiera commerciale, con l’elevazione di circa 6mila sanzioni tra amministrative e penali, per un importo complessivo di oltre 10milioni di euro e il sequestro di oltre 500 tonnellate di prodotto ittico proveniente, per un terzo, da piattaforme logistiche e centri all’ingrosso che commerciano principalmente prodotto non nazionale. Tali risultati rappresentano lo sforzo profuso in tutto l’anno nell’assolvimento della funzione di controllo del settore della pesca, affidato al Corpo dal competente Dicastero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Sequestrati pesci e strani molluschi, nei guai anche noto commerciante del Tigullio

“Con questa operazione – ha dichiarato il Comandante Generale del Corpo, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino durante la presentazione nel porto di Civitavecchia dell’operazione – abbiamo confermato il nostro impegno nel campo dei controlli della filiera ittica, fornendo una risposta concreta alle aspettative e alle necessità di tutela dei nostri cittadini”.

Presente anche la Ministra Bellanova ha voluto ringraziare la Guardia Costiera per l’encomiabile lavoro di controllo e prevenzione svolto a tutela dei consumatori finali e del made in Italy. “La Guardia Costiera – ha detto la ministra – svolge un’azione preziosissima, assicurando – col suo operato – non solo la genuinità del pescato che arriva sulle nostre tavole, ma anche la piena sostenibilità dell’attività di pesca nei nostri mari”.

Sequestrati pesci e strani molluschi, nei guai anche noto commerciante del Tigullio